Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Ambiente

A Catanzaro un nuovo volto per Villa Margherita

Scritto da on 21 gennaio 2011 – 03:18nessun commento

Innaugurato il nuovo look di VILLA MARGHERITA a CATANZARO con performance dal vivo, musicisti e artisti di stada

Due giornate di festa, iniziate con la cerimonia di innaugurazione svoltasi lo scorso 21 gennaio, data in cui ricadeva il 130esimo anniversario dell’intitolazione della Villa alla regina Margherita di Savoia, hanno salutato il completamento dei lavori di riqualificazione della Villa Margherita, già Villa Trieste,  storico Parco del capoluogo,  sottoposto  ad un complesso programma di interventi (pavimentazione, reintegrazione della macchia mediterranea, arredo urbano), frutto della partnership tra gli assessorati all’arredo urbano (Roberto Talarico), ai lavori pubblici (Franco Curcio), all’ambiente (Domenico Iaconantonio), alla cultura (Antonio Argirò), alle finanze (Giuseppe Marcucci).

Il piazzale antistante la Biblioteca “De Nobili”e’ stato intitolato al prof. Augusto Placanica, storico di fama internazionale, già direttore della biblioteca e apprezzato docente dell’Università di Salerno.

Nel corso della cerimonia  e’ stata anche scoperta una targa in ricordo di Rosario Russo, il coraggioso ragazzo che ha dato la vita durante l’alluvione delle Giare per salvare i due genitori disabili.

Diversi gruppi si sono esibiti dal vivo alternandosi sul nuovo Palco della musica, sfidando le avverse condizioni meteorologiche.

I festeggiamenti in villa proseguiranno anche sabato prossimo dalle 16 alle 20 con le performance del gruppo storico Mirabilia (che rievocherà il “Presidio Militare”, dislocato proprio nei “Giardini di Santa Chiara” , con la ricostruzione dell’accampamento), della “Street band” e  di vari artisti di strada.