Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Ambiente, Calabria Creativa, Innovazione

Si parla di Turismo di Comunità sotto il cielo stellato di Jacurso

Scritto da on 14 luglio 2016 – 08:29nessun commento

Giovedì 14 luglio a partire dalle ore 18.30 appuntamento a Jacurso (Cz) per parlare del Progetto di Turismo Sostenibile, Jacurso da Vivere e Imparare, e di Turismo di Comunità. In programma incontri, degustazioni, musica e…la possibilità di guardare le stelle in uno dei borghi che dominano l’Istmo di Lamezia Terme.

La manifestazione, Una notte d’estate a Jacurso, ideata da Rosamaria Limardi, antropologa rientrata in Calabria dopo un lungo periodo all’estero, anima e mente del progetto Jacurso da Vivere e Imparare, che unisce sotto l’ombrello del turismo sostenibile jacurso 1_1565909500544321507_nla comunità di Jacurso, coinvolge l’Università della Calabria e il suo Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali all’interno della Facoltà di Economia, il Corso di Laurea Magistrale in Valorizzazione dei Sistemi Turistico Culturali e la Laurea Triennale in Scienze Turistiche.

Che, insieme al Centro Ricerche e Studi sul Turismo (CReST) ed al Master di II livello in Management del Turismo e del Turismo Residenziale rappresentano un importante punto di riferimento per l’analisi e le proposte progettuali di questa nuova forma di accoglienza turistica, ormai diffusissima in tutta Italia, che punta sul territorio come spazio identitario, centro di relazioni sociali, di stili di vita e consuetudini, di memoria condivisa.

Niente turisti in bus per un consumo veloce dei luoghi, ma il desiderio di confrontarsi, di raccontare la propria storia, di condividere feste e tradizioni, sensazioni e colori di un’altra terra.

Si cammina per le viuzze dei paesi, si vivono gli stessi ritmi dei suoi abitanti, si gusta uno spazio-tempo impensabile per il tran-tran quotidiano delle grandi città, si presta attenzione ai dettagli, a un portale, alla biancheria di lino grezzo o di ginestra, alle confetture preparate dalle donne del paese con la frutta raccolta negli orti di casa. E’ quel che Rosamaria propone agli ospiti che arrivano in questo lembo di Calabria da tutti i continenti, ansiosi di dismettere abitudini e una quotidianità spesso alienante, per  cimentarsi con inedite traiettorie e con relazioni vere e autentiche, per mettersi alla prova con una manualità perduta da tempo.

L’evento non ha solo un aspetto formativo ma vuole stimolare riflessioni e il dibattito jacurso 5_4196894559326452495_nanche con il mondo delle imprese. Nuove forme di impresa si affacciano infatti nella nostra vertiginosa realtà, dando vita a movimenti virtuosi che generano sviluppo.

Nel corso della serata, introdotta da Marcello Notariannni, esperto internazionale specializzato in economia, marketing, gestione e formazione in turismo sostenibile, interverranno per l’Università della Calabria, Sonia Ferrari, Presidente del Consiglio di Corso di Laurea in Scienze Turistiche per il quadriennio 2012-2016 e del Corso di Laurea Magistrale in Valorizzazione dei Sistemi Turistico-Culturali per il quadriennio 2012-2016, Tullio Romita, Professore Associato presso la Facoltà di Economia, Dipartimento di Sociologia e di Scienza Politica, dell’Università della Calabria e, per le imprese, Massimiliano Capalbo imprenditore eretico calabrese, Destination manager, interprete ambientale, e product manager di GH Calabria srl, impresa turistica con la quale ha realizzato e gestisce in Calabria uno dei più visitati Parchi Avventura d’Italia,  Orme nel Parco, Silvia Salmeri co-founder di Destinazione Umana, un portale di viaggi che ribalta l’idea tradizionale di vacanza.

Completano la serata una degustazione di prodotti tradizionali di Jacurso, la musica di Marcello Barillá e il suo Trio, mentre  l’associazione ASCA 38*Parallelo di Petrizzi che si occupa di Scienza, Cultura e Astronomia, guiderà il pubblico nell’osservazione delle stelle e dei pianeti muniti dei suoi telescopi.