Primo Piano »

Dal fumetto criminale a quello sociale, arriva a Cosenza il Festival del Paesaggio

18 settembre 2017 – 10:26 |

Il prossimo week end, dal 22 al 24 settembre, torna il fumetto a Cosenza al Festival del Fumetto Le Strade del Paesaggio, diventato uno degli spazi più interessanti dedicati al fumetto e al suo universo. Promossa da Cluster con la …

Leggi tutto »
Home » Arte

Cyclocosmia: Catanzaro sotterranea nello sguardo degli artisti

Scritto da on 18 maggio 2017 – 08:43nessun commento

Prosegue l’attività sul territorio dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro. Prossimi appuntamenti il 19 e il 20 maggio con due eventi da non perdere. Venerdi 19 a partire dalle 10 al MARCA si parla di Arte e Territorio attraverso un confronto serrato  tra esperienze visive e ricerche  costruite sulla specificità dei luoghi calabresi, in un percorso tra memoria e contemporaneità.

La giornata di studi, curata dalle docenti  Simona Caramia e Maria Saveria Ruga, accoglie gli interventi zeroottouno arte calabriadi  artisti come Giuseppe Negro, Fabio Nicotera e Zeroottouno, che declineranno il tema a partire dalle rispettive poetiche, di Alessandro Russo sull’esperienza del MARCH, il Museo Archeologico numismatico provinciale, mentre il fotografo Giulio Archinà, che da 25 anni registra dal deltaplano i diversi volti della Calabria, i paesaggi, i borghi, le sue opere d’arte, gli aspetti antropici, racconterà la sua originalissima esperienza.

La consapevolezza critica del patrimonio figurativo della regione sarà al centro della relazione conclusiva di Giovanna Capitelli, professore associato di Storia dell’arte moderna dell’Unical, che in un percorso diacronico condurrà un’indagine sul territorio riscoprendo i molteplici fenomeni storici e artistici attraverso il punto di vista dello storico dell’arte.

Un dibattito che vuole costituire una prima occasione di lettura delle vicende complesse della Calabria nel dialogo tra paesaggio storico e percorsi contemporanei.

Il giorno successivo, sabato 20, l’ABA si sposta nel ventre di Catazeroottouno arte calabria 2nzaro, tra cunicoli e gallerie, in parte aperti sotto il Complesso Monumentale del S. Giovanni, che per l’occasione si trasformeranno in un suggestivo spazio espositivo che ospita le opere di trentaquattro studenti dell’Accademia di Belle Arti.

La mostra si intitola Cyclocosmia e si propone di mostrare al pubblico la ricerca delle sei Scuole (Pittura, Scultura, Decorazione, Grafica, Graphic Design, Scenografia) dell’Accademia. Curata da Simona Caramia (docente di Storia dell’Arte), la mostra vede coinvolto Maurizio Lucchini (docente di Applicazioni digitali per l’Arte) e Sonia Golemme, impegnati in un progetto di realtà virtuale per rendere l’esposizione accessibile e navigabile con tecnologia Google 360°, e un gruppo di allievi dell’Accademia catanzarese.

Il ragno”, come sono chiamate le gallerie, si trasforma – nel titolo della mostra – in Cyclocosmia (una particolare tipologia di ragno), e diventa – attraverso l’allestimento – spazio “abitabile”, costruito e scandito a partire dalle narrazioni filmica ed installativa, “(…)  uno spazio comune suscettibile di far presagire, a quanti ne fanno uso in qualità di utenti, passanti o clienti, che né il tempo né la bellezza sono assenti dalla loro storia, come scrive Marc Augé.

sangiovanni gallerie2Il labirinto custodito nel ventre della città, città nella città in cui sono sedimentate memorie secolari, patrimonio artistico e storia collettiva di una comunità che ha continuato nel tempo a vivere i suoi spazi underground,  spesso incistati all’interno delle abitazioni del centro cittadino, rimanda alla dimensione interiore, al labirinto del nostro animo.

La mostra, realizzata grazie alla significativa collaborazione con il Comune di Catanzaro e con la Fondazione Guglielmo, sarà fruibile sino al 30 giugno tutti i giorni dal martedì al sabato dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00.

(Nelle immagini opere di Zeroottouno e scorci delle Gallerie del San Giovanni )