Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Arte

Fritz Baumgartnern maestro del segno e del colore in mostra dal 25 giugno 2011 al MACA

Scritto da on 4 luglio 2011 – 07:25nessun commento

Il Museo Arte Contemporanea Acri (MACA) espone un’ antologica dedicata al grande pittore austriaco Fritz Baumgartner (1929-2006), dal 25 giugno al 2 ottobre 2011.

 Si tratta della più ampia rassegna di opere di Baumgartnern mai fatta in Italia, in mostra oltre cinquanta dipinti e tredici disegni a partire dai primi anni ’50, quando era allievo di Kokoshka all’Accademia delle Arti Figurative di Monaco di Baviera, fino alle ultime opere.

 Fritz Baumgartner inizia il suo percorso artistico a Monaco negli anni ’50-’60 aderendo alla corrente espressionista sino a giungere, attraverso continue ricerche e sperimentazioni, al simbolismo caretterizzando il suo stile con un’incisiva grafia sostenuta da intensi cromatismi. Di notevole pregio artistico sono anche le grandi vetrate a soggetto religioso.

 Il tema centrale delle sue opere e’ l’essenza della vita, ritratti definiti vere e proprie epifanie mondane di una condizione umana che trasfigura in un’astrazione singolare e personale in tutti i suoi aspetti, dai piu’ spensierati a quelli piu’ tragici.

Lo contraddistingue sicuramente, l’originalita’ del suo segno grafico e la scelta dei colori forti, ma anche l’uso sapiente delle sfumature nei bianchi e neri.

 «Artista inquieto e poliedrico – ha scritto di lui il gallerista torinese Arturo Bottello, a cui si deve la proposta e la diffusione della sua opera in Italia – , senza alcun dubbio uno dei più in-teressanti disegnatori e grafici contemporanei, uomo colto, dotato di un senso totale dell’esistenza, un’intelligenza vitale e partecipazioni non comuni con un modo di pensare, ve-dere, segnare l’essenza della vita che si dilata anche fra la gente.»

Orario: dal martedì alla domenica, 9-13 e 16-20; lunedì chiuso
info: Museo tel. 0984953309; Ufficio stampa tel. 0119422568,
maca@museovigliaturo.it