Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Arte

L’arte sperimentale di Francesco Guerrieri nella collezione Bancartis

Scritto da on 19 dicembre 2011 – 07:53nessun commento

Si è tenuta lo scorso 16 dicembre nella Sala “De Cardona” del Centro Direzionale di Via Alfieri, a Rende (Cs), la quinta edizione del Progetto Bancartis, indetto dalla Banca di Credito Cooperativo del Mediocrati in collaborazione con il MACA (Museo Arte Contemporanea Acri).

Bancartis  realizza la vocazione culturale degli istituti bancari attraverso  l’acquisizione, con periodicità annuale, di una opera d’arte di un artista calabrese nella collezione della BCC Mediocrati.

Quest’anno protagonista del progetto è il pittore Francesco Guerrieri.

 

Calabrese ma romano d’adozione, Guerrieri è uno  degli artisti di punta della ricerca gestaltica e strutturalista. Fondatore del Gruppo 63 e, successivamente, di Sperimentale p, insieme alla moglie Lia Drei, figlia del pittore e scultore Ercole Drei, Guerrieri ha all’attivo numerose rassegne personali e collettive, happening ed installazioni che hanno ricevuto diversi premi in tutto il mondo.

Le sue opere sono esposte alla GNAM, al MACRO e alla Fondazione La Quadriennale d’Arte di Roma, oltre che alla Fondazione VAF/Stiftung di Francoforte sul Meno al MART di Rovereto, al MADI Museum di Dallas e in più di trenta altre istituzioni museali in Italia e all’estero.

L’opera che entra a far parte della collezione Bancartis, Verso Itaca, è un perfetto esempio dell’arte di Guerrieri, sempre tesa alla sperimentazione e alla ricerca. Giocando con la percezione visiva dello spettatore, che si trova davanti agli occhi un oggetto che in realtà non esiste, il dipinto crea l’illusione di un vascello che solca il mare, sottolineando l’importanza del vuoto in pittura.

Anche questa edizione, come le precedenti,  costituisce un ricco anticipo di un’importante mostra che si terrà al MACA di Acri (Cs) a partire dal mese di marzo, curata dal critico Teodolinda Coltellaro, con la quale la Calabria rende omaggio ad uno dei suoi artisti più apprezzati in Italia ed all’estero.