Primo Piano »

Arrivederci a presto!

3 aprile 2018 – 09:39 |

Cari amici e amiche, il nostro sito sospende le pubblicazioni.
 
Share

Leggi tutto »
Home » Arte, Primo Piano

Le Giornate europee del Patrimonio 2011 in Calabria

Scritto da on 23 settembre 2011 – 09:18nessun commento

In occasione delle Giornate europee del Patrimonio, che coinvolgeranno 49 Paesi, un appuntamento fisso ogni anno per conoscere e riscoprire il nostro eccezionale patrimonio culturale attraverso mostre, proiezioni, dibattiti, anche in Calabria i prossimi 24 e 25 settembre sarà possibile apprezzare i tesori artistici presenti sul territorio.

A Reggio Calabria, presso il Cine-teatro verrà presentato  il catalogo della mostra Tra mito e realtà: i

calabresi che fecero l’Unità d’Italia  e proiettato un docu-film I martiri di Gerace, di Mimmo Raffa.

A Vibo Valentia l’Archivio di Stato promuove una mostra su Gioacchino Murat. Il decennio francese in

Calabria, con la quale si vuole vuole ricordare la figura e le gesta di colui che, seppur non italiano, ebbe a cuore i problemi del Mezzogiorno, ponendo sotto i riflettori  la politica di rinnovamento attuata durante il decennio di governo francese.

A Catanzaro due mostre,  una dedicata alle  ferrovie in Calabria nel periodo post unitario (Signori, in carrozza: le ferrovie in Calabria nel periodo post unitario),  che si terrà presso la sede centrale dell’Archivio di Stato, l’altra sul tema sempre evergreen del brigantaggio ( A caccia di briganti: scontri, arresti, evasioni, grassazioni, estorsioni, sequestri e devastazioni nel periodo post unitario), che si terrà presso la Sezione di Archivio di Stato di Lamezia Terme.

A  Cosenza, il 23 settembre, è prevista una giornata di studio su Koinè culturale di un territorio: il Mercurion ed il suo patrimonio, che propone un focus sul patrimonio architettonico e paesaggistico della parte settentrionale della Calabria, che rappresenta un unicum culturale caratterizzato dal monachesimo greco, molto radicato in questo territorio secondo i moduli organizzativi previsti dall’insegnamento di S. Basilio di Cesare e dalla riforma di S. Teodoro Studita.

Sempre Cosenza altri due eventi di enorme interesse.

L’Archivio di Stato presenta nella Sala Convegni “M. Baldassarre” del Complesso Monumentale San Francesco di Paola il Quaderno n.4 dell’Osservatorio di Documentazione Ambientale, che opera presso il Dipartimento di Difesa del Suolo dell’UNICAL e il  CAMIlab, dal titolo La difesa del suolo nell’Ottocento nel Mezzogiorno d’Italia, a cura di Walter  Pambieri, Olga Petrucci e Pasquale Versace. Per l’occasione sarà allestita anche una mostra documentaria e bibliografica, che resterà aperta sino al 30 settembre, dal titolo Difesa del suolo in Calabria nell’Ottocento. Dal passato insegnamenti per il futuro.

Altro evento d’eccezione si terrà presso la Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria che presenta, alla Galleria Nazionale di Cosenza (ore 18), il restauro e l’allestimento museale dell’arazzo di Gerace (RC) di Jan Leyniers, a cura del dott. Fabio De Chirico e della dott.ssa Giuseppina Mari.

Preziosi oggetti d’arredo prodotti in gran parte tra la Francia e le Fiandre, gli arazzi si diffondono in tutta Europa a partire dal Medioevo, raggiungendo l’apice della fortuna in età moderna, tra il XVI e il XVIII secolo. 

Proveniente dal Palazzo Vescovile, l’arazzo di Gerace costituisce, per rarità e pregio, una delle massime glorie del patrimonio storico-artistico calabrese. Capolavoro dell’arte tessile, testimonia non solo l’elevato grado di raffinatezza raggiunto dalla scuola fiamminga nella seconda metà del XVII secolo, ma anche la complessità dei rapporti culturali intrattenuti dalla nobiltà e dal clero calabrese.

Opera di Jan Leyniers (1630-1686), esponente di una nota famiglia di arazzieri e tintori di lane attivi nelle Fiandre dalla prima metà del XVI secolo, autore di autentici capolavori, conservati nei musei di tutto il mondo,  l’arazzo propone un tema ricorrente, una scena venatoria, accompagnata da elementi mitologici.

Il restauro verrà condotto con tecniche diagnostiche di ultima generazione a cura del Laboratorio di Diagnostica, di Valentina Cosco, diagnosta e del Laboratorio di restauro tessile della SBSAE Calabria.

Per il programma completo

http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/documents/1314350050694_CALABRIA_GEP11_web.pdf