Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Arte

Le sculture di Silvio Vigliaturo al Padiglione Italia di Torino

Scritto da on 20 dicembre 2011 – 09:51nessun commento

Fino al 30 gennaio 2012, presso la Sala Nervi del complesso fieristico di Torino Esposizioni l’artista e maestro del vetro calabrese Silvio Vigliaturo (Acri, 1949) è stato invitato dal curatore Vittorio Sgarbi a partecipare con due grandi opere all’ Atto finale del Padiglione Italia della 54. Biennale di Venezia.

Silvio Vigliaturo, Cielo, scultura in vetro cm 211x50 (2011)

Le due sculture in vetro, che superano i due metri di altezza, sono

Silvio Vigliaturo, Il Compositore, scultura in vetro cm 213x60 (2011)

estremamente rappresentative della produzione dell’artista, sia dal punto di vista tecnico – frutto di un metodo di lavorazione unico, sviluppato in anni di fervente ricerca e incessanti sperimentazioni –, che da quello tematico.

Il compositore e Cielo – questi i titoli scelti da Vigliaturo per le opere in mostra –, si riallacciano a due filoni tematici tipici dell’iconografia dell’artista: la musica, spesso impersonificata da musicisti che sono tutt’uno con il loro strumento, letteralmente fuso in essi, e l’angelo, messaggero per eccellenza, portatore e annunciatore di un cambiamento necessario, ma anche perfetto rappresentante di un fiabesco spirito di leggerezza, tipico di chi sa volare al di sopra della mediocrità imperante, che si riflette alla perfezione nelle sgargianti cromie infuse dall’artista nella trasparenza del vetro flessuoso.

Le due sculture, nonostante le dimensioni e il peso del materiale utilizzato per la loro realizzazione, risultano estremamente leggiadre allo sguardo dello spettatore, ed è proprio questa leggerezza il principale frutto delle sperimentazioni tecniche dell’artista, la cui più grande preoccupazione, parafrasando Italo Calvino, sembra essere quella di evitare che il peso della materia ci schiacci.