Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Arte

Pane e simboli alchemici in mostra ad Altomonte

Scritto da on 23 maggio 2012 – 07:51nessun commento

I 25-26-27 maggio 2012  il  Convento dei Domenicani, P.zza Tommaso  Campanella di Altomonte (CS) ospita la mostra di   Giuseppe Di Cianni, Pane alchemico, con pitture su pane, installazioni e video dj.

Pensata appositamente per la VI edizione della “Gran Festa del Pane” di Altomonte, la mostra riflette sul rapporto dell’uomo con l’alimentazione, relazione che non si riduce alla solo gratificazione dei bisogni fisiologici, ma risulta legata a significati interni e concreti   dell’ambiente naturale, con continui rimandi a fattori antropologici-culturali,  alchemici  e simbolici.

 

Pane e farina  intesi come alimenti  carichi di concetti e funzioni in quanto, più di ogni altri, rappresentano per l’uomo l’esistenza individuale e collettiva,   metafora di mediazione fra  uomo e  natura e congiunzione tra terra e cielo.

 

Manufatti che  Di Cianni  utilizza spesso  nella sua operazione artistica,  ricoprendoli con una pastella  fatta di farina e acqua in un composto che,  attraverso il processo di frittura  “artistico – alchemico” ,  permette a Di Cianni  di alterare l’aspetto   e la funzione di   un semplice oggetto –  come le scarpette di un bambino, le forchette, un bicchiere o un piatto –  trasformandolo in un “simulacro” senza tempo. Infatti, il manufatto perde  il suo uso comune per divenire un nuovo oggetto “vitale”, che conserva in sé una storia, ormai preservata dall’alimento “pane” che durante  l’azione artistica  lo ha avvolto  per custodirlo in eterno.

 

Pane alchemico,  ospita anche una grande installazione  site-specifc pensata da Di Cianni per l’ex Convento dei  Domenicani, fatta di  pane fritto dipinto, carbone   e juta che trasfigura  la sala che ospitò il filosofo Tommaso Campanella in un “nuovo spazio d’arte” e di comunicazione.

 

In mostra anche alcuni video dell’artista  ispirati al tema  dell’antico alimento  e gli oggetti fritti.

Un’operazione, quella Di Cianni,  che mostra un chiaro  rimando alla  tradizione alchemica,  culturale-antropologica  ed  introduce  attraverso la sostanza del pane al concetto di alimentazione dello spirito  e dell’intelletto.

 

Inaugurazione: 25 maggio 2012 ore 19.00

Dal  25  maggio al 27 maggio  /   tutti i giorni: 10.00 – 13.00 / 16.00 – 20.00 – Ingresso libero

Convento dei Domenicani  – Piazza Tommaso Campanella  – 87042  Altomonte CS –  tel . 0981-948216

Info: Ufficio Turismo 0981.948804   E-mail: altomonteufficioturismo@gmail.com