Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Arte, Itinerari e Vacanze

Parchi d’ arte, Wunderkammer delle meraviglie

Scritto da on 20 maggio 2014 – 08:29nessun commento

Un centro di biodiversità degli ecosistemi e di biodiversità … artistica. Stiamo parlando del Parco della Biodiversità Mediterranea di Catanzaro, esperienza unica nel suo genere, quantomeno nel Sud, in cui convivono 50.000 specie floreali e un patrimonio faunistico straordinario, fatto di gufi reali, falchi, grifoni, aironi, pappagalli, cervi, daini, e diverse specie rare, ospitate dal Centro Recupero Animali Selvatici, una rete sentieristica di 48 ettari in una foresta fittissima, insieme a 23 opere d’arte di 10 artisti di fama internazionale come Tony Cragg, Jan Fabre, Antony Gormley, Marc Quinn, Dennis Oppenheim, Mimmo Paladino, Michelangelo Pistoletto e Mauro Staccioli.

 

Frutto di una poderosa opera di risistemazione di un’area tradizionalmente ad alto tasso di biodiversità, la Scuola Agraria, il Parco, realizzato nel 2005, è oggi una realtà avanzata nel campo della eco-sostenibilità come spazio pubblico, restituito ai cittadini per essere utilizzato e condiviso da tutti  -anche con l’aiuto di eventi come Settembre al Parco, che ha portato in Calabria negli ultimi anni il Gotha del rock e dell’R&B internazionale-, ma anche modello maturo di gestione ambientale e di valorizzazione turistica del territorio grazie al coinvolgimento di artisti chiamati a lavorare nel e per la città.

 

Nel resto d’Europa li chiamano Giardini delle Meraviglie o Parchi artistici, termini dietro cui si cela una progettualità complessa, che traduce e rielabora  le naturali connessioni tra natura, storia, cultura di un territorio ponendo le condizioni per un dialogo permanente tra le stesse, facendone terreno di lettura e di confronto sulla nostra contemporaneità.

parcobiodiv01parcobiodiv.02

Se n’è parlato nei giorni scorsi in un incontro organizzato a Mantova dall’associazione Mantova Creativa intorno alla realtà e alle prospettive future dei parchi di scultura, con l’intervento di storici dell’arte, critici e direttori di musei, come Renato Barilli, Enrico Crispolti, Alberto Fiz, direttore artistico del Marca di Catanzaro, che hanno lanciato la proposta di una rete tra le strutture esistenti, da Nord a Sud, fondate su progetti curatoriali seri e precisi.

Si chiamano Giardino dei Tarocchi, Art Park (Udine), Parco Sculture del Chianti (Siena), Selva di sogno, Chiusdino (Siena), Fattoria Celle (Pistoia), Arte Pollino, Parco Fiumara e Castel di Tusa, in Sicilia, spesso ricavati in borghi antichi o in aree disabitate, che rappresentano sempre più un modo sempre per allontanarsi dal tran tran quotidiano e per ritrovare se stessi tra le bellezze della natura e dell’arte. Aiutando i visitatori a allenare la creatività e i sensi  e a interessarsi ed approfondire un settore, l’arte contemporanea, ancora poco conosciuto.

 

parcobiodiv.03Parco 14 non 2009 6767