Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Arte, Itinerari e Vacanze

Primavera in….. arte

Scritto da on 24 aprile 2012 – 12:20nessun commento

Primavera, tempo di viaggi.

Ecco una serie di itinerari per un’immersione nella storia dell’arte dal Rinascimento ad oggi attraverso le principali mostre aperte da nord a sud d’Italia.

In Calabria è stata da poco inaugurata al Marca di Catanzaro la mostra dell’artista canadese Evan Penny mentre al Maca di Acri (Cs) proseguono sino al 27 maggio la collettiva Young at Art, che ospita le opere di sette giovani artisti calabresi, e l’ampia retrospettiva dedicata a Francesco Guerrieri, uno degli esponenti di punta del Gruppo ’63.

 

A Milano è aperta sino al 20 maggio a Palazzo Reale la mostra Tiziano e la nascita del Paesaggio,

50 opere firmate da Tiziano e dai suoi contemporanei Paolo Veronese, Lorenzo Lotto, Giorgione per comprendere l’evoluzione della rappresentazione della natura nel 1500.

 

Venezia dedica un’ampia retrospettiva a due protagonisti della Secessione viennese, Gustav Klimt e Josef Hoffmann, al Museo Correr sino all’8 luglio. Un’occasione per conoscere, attraverso dipinti, mobili, disegni ed altro ancora, la cultura e la società di un’epoca di cui Klimt, Joseph Roth e Sigmund Freud furono gli esegeti.

 

 

Urbino celebra invece La città ideale. L’utopia del Rinascimento ad Urbino tra Piero della Francesca e Raffaello, a Palazzo Ducale sino all’8 luglio, che illustra attraverso dipinti, sculture, disegni, trattati, il culto rinascimentale per la città ideale, rappresentata dall’omonimo dipinto di autore anonimo ospitato presso la Galleria nazionale marchigiana.

 

L’Umbria celebra uno dei suoi figli più illustri, Luca Signorelli nella mostra De ingegno et spirto pelegrino, a Perugia (Galleria Nazionale), Orvieto (Museo dell’Opera del Duomo) e Città di Castello (Pinacoteca comunale) dal 21 aprile al 26 agosto, che offre uno spaccato del talento potente e visionario del grande artista di Cortona che nella sua bottega sfornò autentici capolavori.

Si rivolge verso il Sol Levante, invece, Firenze che propone al pubblico un viaggio nell’arte giapponese dal XIV secolo ad oggi, anche nel suo rapporto con la pittura europea del Novecento, in una mostra, Giappone. Terra di incanti, articolata in tre diversi itinerari ospitati nei tre musei di Palazzo Pitti sino al 1 luglio.

 

Estremamente ricca l’offerta dei musei della Capitale. Al Vittoriano ritorna ad oltre 50 anni di distanza Salvador Dalì, un percorso nella produzione geniale e vulcanica del pittore spagnolo attraverso foto e dipinti ed un inedito spaccato delle collaborazioni con il cinema di Fellini e Visconti.

 

Ancora per pochi giorni (fino al 6 maggio) è possibile ammirare a Palazzo delle Esposizioni i capolavori dell’ Avanguardia americana in una mostra che riunisce il meglio delle collezioni Guggenheim di New York, Bilbao e Venezia. Quarant’anni di storia e dei principali movimenti artistici made in USA attraverso le opere di Pollock, De Kooning, Rothko, Warhol, Lichtenstein.

 

Da non dimenticare anche l’omaggio alle Avanguardie russe al Museo dell’Ara Pacis, in settanta opere (alcune delle quali per la prima volta in Italia) firmate da Kandinskij, Chagall, Rodcenko, Tatlin esposte sino al 30 settembre ed al genio multiforme di Mirò, al Chiostro del Bramante fino al 10 giugno.