Primo Piano »

Dal 22 marzo a Cosenza la letteratura per ragazzi protagonista di B-Book Festival

27 febbraio 2017 – 11:11 |

C’era una volta… C’era una volta la fiaba, tessuto compatto in cui a tutte le latitudini il mito si congiunge con la saggezza popolare, principi universali si propagano dalla notte dei tempi fino ai giorni nostri insinuandosi nell’epica, nel romanzo …

Leggi tutto »
Home » Arte

Sbarca a Roma ALTrove Festival

Scritto da on 24 febbraio 2017 – 08:18nessun commento

Siamo abituati a visitare mostre preconfezionate, nate in altri luoghi e tempi, impacchettate e sfornate bell’e pronte. E invece una mostra è come una storia d’amore, richiede energie ed emozioni che circolano, si incontrano, e scontrano, esige tempo per esplorare, per confrontarsi con un percorso e una visione. Lo scriveva qualche anno fa Jonathan Jones in un articolo sul Guardian che mantiene intatta la sua freschezza. E invece questa volta parliamo di una mostra che parte dalla Calabria per approdare a

Roma, che rifiuta la logica del cotto e mangiato per proporre un progetto in progress, che si dipana di volta in volta, aperto ad accogliere punti di vista e sguardi ogni volta diversi. Fino al 9 marzo  ALTrove moneyless-300x300Gallery approda alla Galleria Varsi di Roma con Abstractism, il muralismo d’avanguardia italiano ed europeo raccontato in una mostra collettiva.

ALTrove, ne abbiamo parlato più volte su questo sito, è un progetto avviato da Vincenzo Costantino e Edoardo Suraci che dopo anni di esperienze diverse tornano a Catanzaro, la loro città, e si concentrano sulla promozione di opere pubbliche murali “con la volontà di dar voce a una generazione e indagare un movimento autentico, attraverso un moderno processo di pensare e fare città”. Il primo passo è un Festival che ha un riscontro insperato di pubblico e critica.

La seconda edizione  del Festival è ancora un successo, grazie al coinvolgimento di tutta la città, da nord a sud, dal centro alle periferie, e di artisti che hanno scelto di portare in strada il proprio sentire, passato e presente accomunati dalla ricerca quotidiana che ha le sue radici nelle avanguardie astratte, che hanno fatto del capoluogo calabrese una grande residenza open air, a stretto contatto con la gente in un’esperienza fortemente condivisa. Che ha avuto subito ampia visibilità internazionale, da ultimo grazie all’inserimento di una delle opere che campeggiano sui muri della città, Risvegli, firmata da Gola Hundun, tra le 20 più belle opere al mondo di street art.

Ora 108, 2501, Alberonero, Alexey Luka, Aris, Giorgio Bartocci, Clemens Behr, Ciredz, CT, alexey-luka-300x300Ekta, Erosie, Graphic Surgery, Gue, Martina Merlini, Moneyless, Nelio, Domenico Romeo, SBAGLIATO, Sten Lex, Tellas, THTF che in questi anni hanno dipinto più di quaranta murales nel capoluogo calabrese, sbarcano a Roma per testimoniare un’avventura unica nel suo genere, che si alimenta delle secolari radici di una città, Catanzaro, appunto, e dei linguaggi artistici contemporanei, puntando sull’arte contemporanea come preziosa occasione di rinascita.

Per la prima volta le opere realizzate nell’arco di due anni per Altrove Festival saranno riunite in un unico spazio, la Galleria VARSI, e messe a confronto in una collettiva senza precedenti,  che genererà connessioni, visioni astratte, domande e risposte. Saranno inoltre presentati al pubblico lavori inediti e materiale video e fotografico raccolto nel tempo per rievocare il progetto nella sua interezza e restituirne l’energia e gli effetti.