Primo Piano »

Arrivederci a presto!

3 aprile 2018 – 09:39 |

Cari amici e amiche, il nostro sito sospende le pubblicazioni.
 
Share

Leggi tutto »
Home » Arte

Se l’arte incontra la comunità: si conclude BoCS Art Cosenza 2016

Scritto da on 27 ottobre 2016 – 08:36nessun commento

Una città con una storia millenaria, un mistero, un tesoro forse sepolto nel suo ventre, un presente che punta  su una università che compare nella classifica delle migliori in Italia, sulla riqualificazione del centro storico, su arte e cultura. Nasce a Cosenza BoCS Art, The Box of Contemporary Spaces, progetto di residenza artistica giunto alla seconda annualità, che conclude il suo percorso il prossimo 28 ottobre.

Sono nove i gruppi di artisti che si sono alternati negli spazi del Lungofiume bruzio. Alcuni elena-diaco-mayerdi loro sono già affermati, altri sono approdati da minor tempo nel mondo dell’arte contemporanea, quasi un passaggio di testimone tra generazioni foriero di dialoghi e fertili scambi.

Selezionati da Alberto Dambruosio gli artisti, italiani e non solo, si esprimono attraverso la fotografia, la pittura, la scultura, la video-arte, la performance, cogliendo echi, voci, suoni, dal fiume che scorre lento, dalla città e dai suoi abitanti, in una sorta di invito tacito  che promana dalle vetrate dei ventisette box, in cui sono ospitati gli artisti in residenza, nella direzione della trasparenza, dell’apertura verso l’esterno, del coinvolgimento, della partecipazione e del confronto con tutti, uomini e donne, grandi e piccini.

A Cosenza, insieme alle persone abbiamo esplorato il territorio e la scelta dei luoghi è stata condizionata da un fascino estetico sorretto dalle storie raccpaolo-migliazzaontate dalle persone in modo spontaneo: una cava di sabbia nella zona industriale di Zumpano e il Monte Cocuzzo”, dice Virginia Zanetti, artista già affermata che ha impreziosito con le sue performance la prima edizione di BoCs Art Cosenza.

A differenza di musei e gallerie, che spesso faticano a allacciare legami con la comunità locale,  la residenza artistica sembra prestarsi di più e meglio a contaminazioni e mescolanze, ad assorbire e a lasciare impronte durevoli sul territorio. E’ uno dei risultati confermati  dalle esperienze maturate in questi anni nel nostro Paese che, pur diverse tra loro e tra mille difficoltà, hanno rivelato  inattese vitalità e originalità.

Ricordiamo che gli artisti in Residenza in questa ultima tornata sono Raffaella Romano, Piero Chiariello, Jasmine Pignatelli, Caterina Arcuri, Antonella Raio, Luca Guatelli, Federico Losito, Dunia Mauro, Tiziano Bellomi, Isotta Bellomunno, Meri Tancredi, Elena Diaco Mayer, Dario Agrimi, Alessandra Abbruzzese, Paolo Migliazza, Simone Bubbico, Michela Tobiolo, Noemi Vola, Guerrilla Spam.