Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Arte, Innovazione, Musica, Territorio

Sharing economy e il futuro dell’abitare in un week end a Montalto Uffugo

Scritto da on 15 luglio 2016 – 08:35nessun commento

Cosa significa abitare? Significa vivere, ma anche scegliere uno spazio che ci rappresenta, in cui sentirsi a proprio agio, al sicuro, in cui esprimersi, in cui creare e co-creare la quotidianità, da condividere con gli altri. Spazio identitario, in cui passato, presente e futuro si congiungono. Che sia la propria casa, una città, il mondo, poco importa, perchè i modi di abitare la casa e il nostro tempo sono tanti e sempre diversi.  Su questo riflette Art in House, il nuovo progetto ideato da Roberta Caruso, fondatrice di Home for Creativity…

la prima esperienza di co-living in Calabria, e da Franco Scarpino creatore di Art in flat,  che propone l’esposizione di opere d’arte in ambienti familiari e casalinghi.

giulia cavallo abitare casa 4_5010597619433363654_nIeri (siamo negli anni ’90, a Berlino) si chiamava co-working, ossia la condivisione di spazi dove lavorare, tessere relazioni, formarsi, condividere conoscenze e, perchè no, divertirsi insieme; di acqua ne è passata sotto i ponti e oggi, 25 anni dopo, il fenomeno si è evoluto  nel cd. co-living, un movimento globale di condivisione dello spazio abitativo, trascinato “dal desiderio dei giovani professionisti di vivere in una community con altri creativi e innovatori, in un mondo fatto di condivisioni e di collaborazioni, senza frontiere di spazio e tempo“, come spiega Ryan Fix di Pure House, una delle startup che negli USA ha per prima ha sperimentato il modello. Niente casa di proprietà ma sistemazioni abitative tutto incluso, con servizi comuni, eventi e attività organizzate per gli associati. In un mondo globalizzato in cui si può lavorare dappertutto e in cui i lavoratori sono ormai in gran parte freelance alle prese con lavori ad alto tasso di creatività e innovazione, condivisione e collaborazione sembrano parola d’ordine per tutti.

Di tutto questo e di altro ancora si parla nel week end dei 16 e 17 luglio nel giardino di giulia cavallo abitare casa 2Home for Creativity dove si alterneranno  Giulia Cavallo e Franco Scarpino, che con la loro mostra guideranno il pubblico in un percorso che parte dalle Case Kondra di Civita, con la loro curiosa morfologia che ricorda le maschere apotropaiche, a quelle coloniche abbandonate nel Marchesato, passando dai tetti di Longobucco fino alle vecchie case ristrutturate di Riace, dove il sogno di un uomo (il sindaco Domenico Lucano) è diventato realtà; Silvia Salmeri che racconta l’esperienza di Destinazione Umana, il tour operator che propone viaggi ispirazionali in strutture ricettive innovative che puntano sulle relazioni umane più che sulla vendita di pacchetti turistici.

Ci saranno anche Francesco Bevilacqua, in tour nei luoghi perduti della Calabria: tratturi, marine, colline, montagne, che rappresentano la nostra identità e un patrimonio da riconoscere e preservare, Ada Fiore che racconterà la straordinaria esperienza di Kalopolis, una città mondo che rispecchia le virtù umane e le pone in armonia con la natura, Gea Scancarello  che si occuperà di economia collaborativa e sharing house, un fenomeno sempre più in crescita a qualsiasi latitudine. giulia cavallo abitare casa 3891_5626859164366060492_n

Annamaria e Maria Lorenza Crupi guidano i presenti alla scoperta della connessione tra costruire, abitare e pensare attraversando le opere di Nik Spatari e il progetto MUSABA, a Mammola (Rc).

Paola Scialis, Vincenzo Costantino, Francesco Biacca e Roberta Caruso partono dalle loro esperienze per raccontare come il contesto in cui viviamo si nutre della nostra  creatività.

Non solo talk nella due giorni di Art in House ma anche musica con  Marcello Barillà B-quìntet che presenterà il primo album ufficiale del gruppo e i  Trombomonica in duo,  mentre Carmelo Giordano racconta tensioni e lacerazioni dell’andare e del restare nel suo monologo Il nero fuochista.

Info
Home for Creativity
Tel.  347/6062341
mailto:info@home4creativity.com

(Le foto ritraggono opere dell’illustratrice Giulia Cavallo)