Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Arte

Un artista calabrese all’OMI di New York

Scritto da on 11 giugno 2012 – 12:57nessun commento

E’ stato Santo Alessandro Badolato, in arte BADO, ad aggiudicarsi la Borsa di studio internazionale destinata a giovani artisti calabresi, promossa dal MARCA di Catanzaro e dalla Dena Foundation for Contemporary Art. la nota organizzazione newyorchese che promuove la giovane scena artistica internazionale in particolare attraverso progetti residenziali.
Il premio, frutto della partnership tra il museo catanzarese e la fondazione americana, infatti consentirà al vincitore l’accesso alla Art Omi International Artists Residency, nello stato di New York.

 

 

La commissione, di cui hanno fatto parte Giuliana Setari Carusi, presidente della Dena Foundation, il direttore del MARCA Alberto Fiz, Valentine Meyer, direttrice del Programma di residenze della Dena Foundation e Francesca Di Nardo, consulente artistica della Fondazione, ha conferito il premio per il 2012 (nel 2011 era stato il catanzarese Domenico Cordì a conseguirlo) al lavoro di BADO, “Urbanization”,  che «si è dimostrato essere un lavoro di notevole originalità in grado di riflettere in maniera critica e ironica sulle nuove tecnologie. Il progetto, infatti, traduce il paesaggio in rete e viceversa, assemblando informazioni e territorio come parti di un unico insieme non più scindibile».

 

Da segnalare anche gli altri giovani artisti che hanno partecipato alla selezione, in pole per una collettiva a fine anno negli spazi del MARCA: Paola AsconeLeonardo Cannistrà , Roberta Mandoliti che hanno realizzato progetti di grande originalità.