Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » attualità

Una start-up contro la ‘ndrangheta

Scritto da on 11 novembre 2014 – 09:34nessun commento

E’ destinato a 20 giovani under 30 disoccupati e in possesso di una laurea triennale o specialistica. Un’opportunità concreta offerta dal progetto NEMESIS. Topografia delle mafie di partecipare ad un percorso formativo di circa 22 mesi distinto in vari step, con obiettivo finale il lancio di una cooperativa che fornirà  servizi agli enti che gestiscono i beni confiscati e si occuperà  di ideare e gestire percorsi didattici antindrangheta per i giovani ma anche di sviluppare e  lanciare  percorsi turistici a sfondo etico, mappare i beni confiscati in provincia di Reggio Calabria e potenziare l’offerta didattica dell’Osservatorio.

 

 

stop ndrangheta beni confiscatiIl progetto NEMESIS, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù nell’ambito del bando “Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici”,  è realizzato dall’Osservatorio sulla ‘ndrangheta e da Stopndrangheta.it.


La fase iniziale della formazione comprende un ciclo di lezioni frontali per complessive 100 ore distribuite in tre mesi, da gennaio a marzo 2015, con frequenza obbligatoria 2 volte la settimana presso la sede dell’Osservatorio sulla ‘ndrangheta, in Cava Aloi, s.n.c., località Croce Valanidi, Reggio Calabria, nel corso delle quali verranno affrontate diverse tematiche: storia della ndrangheta, normativa in materia di sequestro e confisca dei beni, ruolo dell’Agenzia Nazionale dei Beni confiscati, analisi di casi studio. Il percorso formativo includerà pure visite ai beni confiscati alle principali cosche della provincia reggina.

Nella fase successiva si entra nel vivo con la creazione di una cooperativa sociale che avrà lo scopo di elaborare percorsi didattici rivolti agli studenti, servizi di consulenza nei confronti di enti affidatari di un bene confiscato e sviluppo di pacchetti di turismo responsabile sui luoghi simbolo dell’antindrangheta. I 20 giovani selezionati saranno formati in vista  delle future attività della coop – le cui spese di costituzione rientrano nel budget del progetto – che durante la fase di start-up potrà svolgere esclusivamente attività senza fine di lucro.

La domanda di partecipazione dovrà essere inviata entro il 30/11/2014 all’ indirizzo nemesisprogettocooperativa@gmail.com. Il bando è scaricabile dai siti internet www.osservatoriosullandrangheta.org; www.stopndrangheta.it