Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Cinema, Primo Piano

Calabria Film Festival, quattro giorni di cinema a Vibo Valentia

Scritto da on 14 dicembre 2011 – 01:19nessun commento

Con la proiezione del film L’ultimo terrestre di Gian Alfonso Pacinotti, ore 10.00 auditorium della scuola di Polizia, si apre la quarta edizione del Calabria Film Festival organizzato dalla Fondazione Calabria Film Commission, presieduta da Gianluca Curti, con la direzione artistica di Alessandro Russo.

Il programma prevede alle ore 16 (Auditorium Scuola di Polizia)  il film Tomboy di Celine Sciamma.

Alle ore 17.00 Claudia Cardinale inaugurerà la mostra “C’era una volta il Western italiano. Sergio Leone, Clint Eastwood e gli Spaghetti Western”,  allestita a Palazzo Gagliardi, che traccia la storia del western italiano attraverso fotografia inedite e di scena, locandine e manifesti. Alle 18.30 all’auditorium della scuola di Polizia prosegue l’omaggio a Sergio Leone con la proiezione di C’era una volta il west.

A Palazzo Gagliardi dalle ore 19.00 partono le proiezioni delle sezioni Corti Calabria e Proiezioni Speciali.

«È l’opportunità per tutti i filmakers calabresi – ha dichiarato il direttore artistico Alessandro Russo – di mettersi in mostra e per il pubblico di conoscerne le qualità». Sono ben 16 i corti ammessi al concorso – che si concluderà con la premiazione nella serata finale da parte di una giuria presieduta dal regista Fabio Mollo e dai giurati Peppino Mazzotta, Pasqualina Scuncia e Gianni Pellegrino -, mentre quelli rimasti fuori potranno comunque godere della vetrina del festival, e verranno inseriti nelle “Proiezioni speciali”. Il concorso “Corti Calabria” decreterà una griglia di tre vincitori, primo, secondo e terzo classificato, i quali riceveranno un riconoscimento da utilizzare per i loro prossimi lavori. Le “Proiezioni speciali”, oltre ad ospitare i corti fuori concorso, si arricchiranno di film dalla valenza artistica e sociale particolare, gli “Extra”.

L’intera sezione “Corti Calabria” e “Proiezioni speciali” si svolgerà nella sala 2 di palazzo Gagliardi di ogni giorno, dal 14 al 17 dicembre, a partire dalle ore 19. Le “Proiezioni speciali” si apriranno con un documentario diretto da Fabio Mollo dal titolo “Calabria set: domani è il nostro giorno”, realizzato con lo scopo di promuove e mettere in risalto scenari e luoghi che la Calabria sa offrire al mondo del cinema.

Si parte  mercoledì 14 con  la proiezione di “La vita facile” (durata 102 minuti), di Lucio Pellegrini, e de “Il gatto selvaggio” (77 min.), del regista vibonese Andrea Frezza, storia di un giovane disposto a tutto pur di abbattere il “sistema” negli anni caldi a cavallo tra i ’60 e i ’70. A seguire i corti in concorso, tutti di durata inferiore ai 20 minuti: “Dance Film Project” di Wes Veldink, “Macchie di sole” di Stella di Tocco, “I miti della costa Viola” di Emanuele Taglieri, “Percezione Distratta” di Alfredo Confessore, “AdamoEva” di Alfredo Confessore, “Don’t love me” di Marco Modafferi e Francesco Tortorella, “Ciao Tesoro” di Amedeo Procopio. Per chiudere “Liquirizia” (44 min.) di Renato Pagliuso e “Bandito” (24 min.) di Francesco Lodari.

Giovedì 15 la giornata si aprirà con “Oltre l’inverno” (25 min.) di Massimiliano Ferraina, e a seguire i corti in concorso: “Rose Rouge” di Francesco Cozzupoli, “REM” di Francesco Cozzupoli, “Ho visto un re corto…” di Willian Gatto, “Evolution” di Emanuele Taglieri. Subito dopo, per le “Proiezioni speciali”, “Noisyhours, il rumore delle ore” (30 min.) di Carmine Scalzi e “Anna, Teresa e le Resistenti” (83 min.) di Matteo Scarfò, sulla storia di Teresa Talotta Gullace, la donna calabrese che ispirò il film, interpretato da Anna Magnani, “Roma città aperta”.

Venerdì 16, invece, in sala apertura con “Il primo incarico” (90 min.) di Giorgia Cecere, storia ambientata negli anni ’50, quando Nena, una ragazza del Sud, deve andare a vivere al Nord per il suo primo incarico come maestra di una scuola elementare. Poi i corti in concorso: “150 anni ma non li dimostra” di Angelo Maggio, “In my prison” di Alessandro Grande, “Il Ladro” di Vincenzo Caricari, “Spot no ‘Ndrangheta” di Marco Modafferi, “Bambina col saltello” di Marco Modafferi e Francesco Tortorella, col quale si conclude la sezione dei corti in concorso nel festival. A chiudere la giornata le proiezioni di “La canzone d’aspromonte” (103 min.) di Giovanni Scarfò, e di “Rosso Vivo” (17 min.) di Annamaria Liguori, un corto realizzato dalla necessità di sensibilizzare la popolazione all’importanza della donazione del sangue e che, per le sue tematiche, ha riscosso già diversi apprezzamenti.

La serata conclusiva, quella di sabato, ha in calendario, nelle “Proiezioni speciali”, “Gli occhi di Tarra” (58 min.) di Pasquale De Masi, “I Calabro Greci” (24 min.) di Irene Nucera, “E’ tempo di cambiare” (82 min.) di Fernando Muraca, e per concludere con “Articolo 23” (7 min.), un corto di Vittorio De Seta che fa parte del film collettivo “All human rights for all”, in cui trenta autori del cinema italiano hanno offerto la loro interpretazione dei 30 articoli della dichiarazione dei diritti umani stipulata nel 1948 dalle Nazioni unite. Nel corto di De Seta, quanto mai attuale, il diritto al lavoro e alla protezione contro la disoccupazione.

Il programma