Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Cinema

Cinema a Cosenza. Al Cineforum di Rovito l’ultimo film di Elia Suleiman

Scritto da on 4 ottobre 2010 – 00:00nessun commento

Il tempo che ci rimane di Elia Suleiman al Teatro Comunale di Rovito (CS) il prossimo martedì 5 ottobre (h. 21.30).

Quando hai una faccia come quella di Elia Suleiman, fare anche un film non è necessario. Bastano quei lineamenti, quel saper (re)incarnare Buster Keaton nel mezzo del conflitto mediorientale, per poter catturare l’attenzione di tutti gli spettatori, anche quelli più distratti. E in effetti Suleiman è un uomo geniale e colto a cui basta metterci la faccia e delle ottime idee di fondo per regalare qualcosa, a suo modo, di unico. Successe con Cronaca di una sparizione, una dozzina d’anni fa, a Venezia. E poi con le sue opere più belle, Cyber Palestina e Intervento divino. Il suo film più bello, quest’ultimo, ma escluso dall’Oscar perchè la Palestina, non essendo legalmente uno Stato, non rientra nelle classificazioni della normativa dell’Academy: un cavillo, simile a quello linguistico che escluse, guarda un po’ la coincidenza, Private di Saverio Costanzo. Oltre al danno la beffa.

Da quest’elenco, comunque, per chi ha visto i suoi film, è evidente la sua ossessione geografica e politica per i confini militari posti al suo popolo e al suo paese. Il primo ci raccontava Maria e Giuseppe ai giorni d’oggi: difficile passare la striscia di Gaza per arrivare a Betlemme e compiere il proprio “dovere”. Così come è altrettanto complesso vivere una storia d’amore al checkpoint tra Nazareth (città natale del cineasta, peraltro) e Ramallah.

Un’ossessione comprensibile e presente anche ne Il tempo che ci rimane, ma questa volta la supera e sublima brillantemente: con quella faccia un po’ così e tenendo un’asta in mano, prendendo la rincorsa e superando il famigerato muro costruito dagli israeliani. Una scena piena di ironia e poesia, leggera ed elegante come il gesto atletico con cui Suleiman supera quell’ostacolo, pesante come quella struttura imponente. E di queste scene l’attore e regista palestinese, con il suo stile surreale e delicato, ne offre parecchie: una marcia tronfia più che trionfale, una scuola israeliana piuttosto bizzarra, perquisitori che scambiano semola per polvere da sparo, l’obice di un carro armato che punta Elia e lui che si abbassa dietro una staccionata. Sempre con la stessa faccia incredula, malinconica e impassibile. Non così dissimile da quella donna che assiste ai festeggiamenti del capodanno, immobile, da un balcone.

Momenti surreali e grotteschi che il regista sa disegnare con maestria, dividendoli in quattro episodi, dal 1948 ad oggi, tutti legati alla propria biografia, a quella della sua famiglia e del suo popolo, perchè Il tempo che ci rimane è un puzzle che nasce dalle memorie delle donne di famiglia, dai ricordi del padre combattente e da immagini e parole rimaste attaccate al Suleiman bambino. Storie vere narrate con la sua grazia tragicomica, che ridisegnano la Storia in una quotidianità disastrata. Con un occhio di parte, è vero, ma che ha a cuore l’umanità e la disumanità di un teatro di guerra, mai come in questo film si rivela una definizione esatta e calzante, in cui gli attori sono pedine in mano ai capricci grotteschi del Potere. Lo vedi nella presenza dell’invasore, ma anche negli accenni alla Resistenza araba: Suleiman cerca le colpe, perchè sa che i colpevoli sono ovunque.

Vedi il trailer: http://www.youtube.com/watch?v=wxzYkr-mIJY