Primo Piano »

E’ la creatività, bellezza…Mani Festival, dall’8 aprile a Catanzaro

6 aprile 2017 – 08:36 |

-3 al debutto di Mani Festival, la kermesse che tributa un omaggio all’ingegno e alla creatività made in Italy portando tutti i week end di aprile a Catanzaro in una straordinaria location quale quella del Complesso del San Giovanni, artigiani, …

Leggi tutto »
Home » Cinema, Video

Gianni Amelio torna nelle sale con La tenerezza e inaugura il nuovo Cinema Teatro Comunale di Catanzaro

Scritto da on 4 maggio 2017 – 08:36nessun commento

Tenerezza. Un termine che rimanda a un gesto affettuoso, ai gesti di un bambino, allo sguardo di un cucciolo. Un termine che ci appare lontano, perso nei meandri di una quotidianità sempre più veloce e inafferrabile, nell’indifferenza e nel cinismo dei nostri tempi. A sdoganarlo di recente sono stati Papa Bergoglio e Gianni Amelio. Il regista calabrese, dopo il suo esordio letterario con il romanzo Politeama, torna sul grande schermo con La tenerezza, tratto dal romanzo La tentazione di essere felici di Lorenzo Marone.

 

Protagonisti, un avvocato ‘famigerato ma non famoso’, Lorenzo, una famiglia alle spalle dilaniata da la tenerezza 1parole mai dette, da gesti mai tentati, dal tradimento e dal dolore di esistere. E poi, Elio e Michela , una coppia in apparenza felice. Dietro la maschera di una vita appagata tuttavia può nascondersi ben altro. Basta poco perché il quadretto della famiglia perfetta, dei baci e dei sorrisi si sgretoli in un lampo. E così lo specchio in cui si rifrange la vita di Lorenzo da quando la coppia è venuta ad abitare nel suo palazzo. Anche lui sarà costretto a fare i conti con il passato, a riannodare i fili del rapporto mancato con la donna che ha risvegliato in lui emozioni e sentimenti mai conosciuti con la moglie, e con la figlia, dalla quale lo divide un oceano di incomprensioni e rabbia.

Sullo sfondo c’è Napoli, il suo ventre caldo, i quartieri spagnoli, i suoi vicoli che si aprono l’uno nell’altro in un labirinto senza fine. Come il labirinto dell’animo umano, in cui è facile entrare, difficile trovare la strada che ci condurrà all’uscita. C’è solo un modo, sembra significare Amelio, per arrivarci: srotolare il filo delle nostre vite, dell’amore, della gentilezza, della tenerezza, cercando con pazienza di sciogliere i nodi, di ritrovare la strada di casa, quella che ci riporta a noi stessi.

L’uscita del film fa da apripista il prossimo 4 maggio 2017 all’attesa riapertura del Cinema Teatro Comunale di Catanzaro e suggella la ritrovata armonia tra Amelio e la città dove ha studiato, ha scoperto la letteratura e il cinema, ha fatto da trampolino a una carriera stellare e al successo internazionale, coronato dalla candidatura all’Oscar nel 1991 e da premi prestigiosissimi. Sabato 6 maggio ci sarà

Italian actors Micaela Ramazzotti (L), Elio Germano (C), and Giovanna Mezzogiorno (R) pose during the photocall for ''La tenerezza'' in Rome, Italy, 20 April 2017. ANSA/ ETTORE FERRARI

anche Amelio a chiacchierare con il pubblico catanzarese, a ricordare la sua giovinezza, a raccontare aneddoti e soprattutto a fare gli auguri a Francesco Passafaro e ai giovanissimi protagonisti della riqualificazione e della rinascita di uno degli storici simboli del capoluogo regionale e, si spera, del ritorno alla vita del suo centro storico.

La tenerezza è…la capacità di tenersi la mano senza nessun altro scopo. Oggi è difficile avere un contatto fisico con i figli piccoli, figurarsi quelli adulti: il mio ha quarant’anni, è padre a sua volta. Mia nipote ha 13 anni, toccarle un braccio è già difficile, figurarsi prenderle a mano. Invece tutti avremmo bisogno di un gesto così, che non è solo una mano che tocca l’altra mano, ma è un’anima che tocca un’altra anima. Che ti dice: sono vicino a certi tuoi sperdimenti, quando certe mattine ti alzi e pensi ‘stamani non sono proprio con i piedi per terra’. Quella tenerezza che ti aiuta quando brancoli ma che non ti trasforma in qualcosa che ti disturba e ti toglie la libertà. (Gianni Amelio, Intervista)