Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Cinema

I fatti di Genova nel film The summit, alla Casa del Cinema di Catanzaro

Scritto da on 25 febbraio 2013 – 10:57nessun commento

Il 26 febbraio, in uscita nazionale esce in contemporanea in diverse sale italiane, il film The summit, di Franco Fracassi e Massimo Lauria , che racconta ancora una volta, dopo il fortunato Diaz di Daniele Vicari, il G8 del 2001 a Genova.

the summitSarà possibile vederlo anche in Calabria all’interno di Opera a Sud Mediterraneo tra cinema antropologico e documentario etnografico, la rassegna della Cineteca della Calabria organizzata presso la Casa del Cinema,  in Via Fontana Vecchia  a Catanzaro, attuale Centro Polivalente.

20-21 luglio 2001. Gli occhi del mondo sono puntati su Genova dove si sta tenendo il G8. I Movimenti No Global si sono organizzati per mettere in atto una serie di dimostrazioni pacifiche. I Black Bloc intervengono in formazioni da guerriglia per assaltare banche e distruggere auto senza che le Forze dell’Ordine intervengano.

I manifestanti pacifici vengono invece caricati. In Piazza Alimonda un Defender della Polizia viene accerchiato dai manifestanti. Qualcuno dall’interno spara e sull’asfalto rimane il corpo di un ragazzo, Carlo Giuliani. Nella notte del 21 polizia e carabinieri fanno irruzione nella Scuola Diaz dove si trova un centro del Social Forum e presso cui dormono numerosi partecipanti alle manifestazioni. Viene attuato un pestaggio senza precedenti e un centinaio di feriti vengono portati negli ospedali. Gli arrestati verranno tradotti alla Caserma/carcere di Bolzaneto dove subiranno altre violenze ed umiliazioni.

Il documentario di Fracassi e Lauria è uno strumento prezioso, a dieci anni di distanza dai fatti, per ricostruire quanto avvenne in quei giorni. Le testimonianze sono numerose e provengono da fonti diverse. Non vengono ascoltate solo le tesi dei manifestanti ma si mettono in campo anche valutazioni di esperti di tattiche militari oltre a telefonate registrate in quei giorni.

Il quadro che ne emerge è sconcertante. Chi ha lasciato agire indisturbati i Black Bloc senza fermarli alle frontiere? Chi non ha bloccato la violenza sul nascere?

Come ha detto  Giuliano Giuliani, padre di Carlo, nel corso della presentazione alla stampa del film, <<non è stato assolto Placanica. No, è stato assolto lo Stato, lo Stato è il vero responsabile della morte di Carlo >>.