Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Cinema

I fatti di Genova nel film The summit, alla Casa del Cinema di Catanzaro

Scritto da on 25 febbraio 2013 – 10:57nessun commento

Il 26 febbraio, in uscita nazionale esce in contemporanea in diverse sale italiane, il film The summit, di Franco Fracassi e Massimo Lauria , che racconta ancora una volta, dopo il fortunato Diaz di Daniele Vicari, il G8 del 2001 a Genova.

the summitSarà possibile vederlo anche in Calabria all’interno di Opera a Sud Mediterraneo tra cinema antropologico e documentario etnografico, la rassegna della Cineteca della Calabria organizzata presso la Casa del Cinema,  in Via Fontana Vecchia  a Catanzaro, attuale Centro Polivalente.

20-21 luglio 2001. Gli occhi del mondo sono puntati su Genova dove si sta tenendo il G8. I Movimenti No Global si sono organizzati per mettere in atto una serie di dimostrazioni pacifiche. I Black Bloc intervengono in formazioni da guerriglia per assaltare banche e distruggere auto senza che le Forze dell’Ordine intervengano.

I manifestanti pacifici vengono invece caricati. In Piazza Alimonda un Defender della Polizia viene accerchiato dai manifestanti. Qualcuno dall’interno spara e sull’asfalto rimane il corpo di un ragazzo, Carlo Giuliani. Nella notte del 21 polizia e carabinieri fanno irruzione nella Scuola Diaz dove si trova un centro del Social Forum e presso cui dormono numerosi partecipanti alle manifestazioni. Viene attuato un pestaggio senza precedenti e un centinaio di feriti vengono portati negli ospedali. Gli arrestati verranno tradotti alla Caserma/carcere di Bolzaneto dove subiranno altre violenze ed umiliazioni.

Il documentario di Fracassi e Lauria è uno strumento prezioso, a dieci anni di distanza dai fatti, per ricostruire quanto avvenne in quei giorni. Le testimonianze sono numerose e provengono da fonti diverse. Non vengono ascoltate solo le tesi dei manifestanti ma si mettono in campo anche valutazioni di esperti di tattiche militari oltre a telefonate registrate in quei giorni.

Il quadro che ne emerge è sconcertante. Chi ha lasciato agire indisturbati i Black Bloc senza fermarli alle frontiere? Chi non ha bloccato la violenza sul nascere?

Come ha detto  Giuliano Giuliani, padre di Carlo, nel corso della presentazione alla stampa del film, <<non è stato assolto Placanica. No, è stato assolto lo Stato, lo Stato è il vero responsabile della morte di Carlo >>.