Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Cinema

Metti una sera a cena con…. Woody Allen

Scritto da on 13 ottobre 2011 – 07:38nessun commento

Quattro appuntamenti con il cinema di Woody Allen ogni giovedi a partire dal 6 ottobre 2011 (ore 21.30) al CSOA Cartella, in Via Quarnaro I, Gallico, Reggio Calabria.

Ad aprire la rassegna è uno dei film che hanno decretato il successo del regista newyorchese, Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso  (ma non avete mai osato chiedere), uscito nelle sale nel 1972, sette episodi per rispondere ad altrettante domande sui tabù sessuali affrontate già con quello sguardo corrosivo e surreale che caratterizzeranno tutta la produzione di Allen.

Giovedì 13 ottobre  è la volta de Il dormiglione ( 1973), altro film cult , ambientato in una non così improbabile società futura  retta da un regime dittatoriale, in cui si risveglia il nostro Woody, nei panni di un uomo ibernato  -guarda caso- nel 1973,rimasto privo di identità e di memoria che, tra fughe rocambolesche  e nuovi incontri , ritrova la propria identità dopo essersi unito alla resistenza.

Giovedì 20 ottobre sarà possibile rivedere un film del 1995, La dea dell’amore , <<filosofia del carpe diem in una commedia immersa nella tragedia greca arricchita del nichilismo, cinismo e agnosticismo ormai celeberrimo di Woody Allen. Il percorso genitoriale, tra diritti, doveri e responsabilità, di una coppia alle prese con la questione dell’adozione>>.

Ultimo film in programma, giovedì 27 , è  Celebrity , ennesima metafora ironica e triste di una cultura occidentale in piena decadenza. Alla crisi esistenziale degli ambienti intellettuali  si aggiunge quella del mondo dello star-system, eccessivo e decadente. Un film in cui si rafforzano i temi della schizofrenia della vita metropolitana e del ruolo pervasivo dei media nella vita quotidiana.