Primo Piano »

Dal fumetto criminale a quello sociale, arriva a Cosenza il Festival del Paesaggio

18 settembre 2017 – 10:26 |

Il prossimo week end, dal 22 al 24 settembre, torna il fumetto a Cosenza al Festival del Fumetto Le Strade del Paesaggio, diventato uno degli spazi più interessanti dedicati al fumetto e al suo universo. Promossa da Cluster con la …

Leggi tutto »
Home » Cinema

Mezzogiorno e magia ne Il Demonio di Rondi alla Casa del Cinema

Scritto da on 15 marzo 2012 – 07:48nessun commento

Week end ad alta intensità alla Casa del Cinema in Via Eroi 1799 di Catanzaro che ripropone due film cult.

Si inizia giovedì 15 marzo 2012, ore 19.30 per il ciclo Opera a sud, con  Il demonio,  unanimemente considerato il miglior film di Brunello Rondi, fratello di Gian Luigi, regista purtroppo poco noto in patria ma apprezzatissimo all’estero.

Orso d’oro al Festival di Berlino del 1963, scritto da Rondi con la consulenza di Ernesto De Martino, uno dei maggiori etno-antropologi italiani, il film racconta la passione esasperata ed ossessiva di Purificazione per Antonio che tra riti magici e fede popolare, esorcismi e malefici porterà la protagonista alla morte.

Un film su una società ancora primitiva in cui la donna è madre o strega e sulla potenza del  perturbante (Freud è presente nel film anche attraverso l’evocazione costante della nevrosi isterica) , che incarna il disagio e le paura di una comunità che potrà liberarsi solo dopo avere trovato la sua vittima sacrificale.  Purificazione, come un novello Cristo al femminile, ha il coraggio di ribellarsi ai diktat sociali ma pagherà con la vita la sua libertà di esprimersi  profondamente.

Film potente, nei contenuti e visivamente, ma anche intriso da un doloroso lirismo.

Un piccolo gioiello da non perdere.

Venerdì 16 marzo, ore 20.30, è la volta di Faust di Alexandr Sokurov.  Leone d’Oro al 68 Festival del Cinema di Venezia, Faust conclude la tetralogia dedicata dal regista russo al potere.

Ancora un film visivamente potente, che attinge ai capolavori omonimi di Goethe e Mann, così come alla pittura fiamminga (Bosch e Bruegel soprattutto) per indagare il senso profondo dell’esistenza ,  costretta nella continua ed impossibile ricerca del divino. Faust rappresenta il paradigma dell’umana ingordigia di ogni bene – conoscenza, cibo, sesso, amore-  destinata tuttavia all’inevitabile fallimento.

Magnifico il cast, tutto tedesco, da Johannes Zeiler (Faust) ad Hanna Schygulla