Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Cultura, Itinerari e Vacanze

A caccia del pesce spada, sulla passerella arriva #CalabriaOltre

Scritto da on 4 agosto 2014 – 10:33nessun commento

‘U pisci spada. Ci voleva una canzone di Modugno a riportare alla memoria degli italiani uno dei riti più antichi praticato da centinaia e centinaia di anni nello Stretto, la caccia al pesce spada. Lo portano le correnti a ridosso delle coste calabresi in primavera e allora comincia la caccia sulle passerelle che si protendono dalle barche sul mare. Una pratica della quale si è persa progressivamente la dimensione rituale per farne un uso massiccio e redditizio per un’intera comunità. Ma c’è anche chi a Scilla vuole tornare alle radici per proporre Scilla in passerella, rassegna culturale in programma dal 5 al 14 agosto, organizzata dalla Filodrammatica Scillese sotto la direzione artistica di Sabbiarossa Edizioni e Ossi di Seppia.

 

scillainpasserella-testata-wp-950x2003Quattro location (il ristorante Bleu de Toi, Piazza San Rocco, Terrazza Le Sirene, Lido Francesco) per ripartire dalla rocca di Scilla e dalla passerella, alla caccia non del pescespada, ma di segnali culturali, “deboli ma esistenti”, superando la tentazione dell’arroccamento per navigare in mare aperto, alla scoperta di una #CalabriaOltre.

 

Scrittori, magistrati, giornalisti e protagonisti della politicada martedì 5 si incontreranno nei luoghi più belli di Scilla per discutere insieme al pubblico di temi di stretta attualità.

 

Nicola Gratteri (procuratore aggiunto della Dda di Reggio Calabria) si confronta con Paola Bottero (giornalista, scrittrice, editrice e conduttrice di Ossi di Seppia) sul tema caldo, anzi caldissimo, della giustizia (Giovedì 7).

 

Dipregiudizio parleranno l’8 agosto Alessandro Russo, autore del libro inchiesta Marchiati, Elisabetta Tripodi (sindaco di Rosarno), Manuela Iatì (giornalista Sky), Consolato Minniti (giornalista il Garantista e l’Espresso), moderati dalla giornalista Josephine Condemi e da Filippo Teramo,  con le incursioni musicali di Mimmo Martino, , leader dei Mattanza.

 

Nel weekend gli incontri saranno dedicati all’Aspromonte e agli inchini, tema ‘sensibile’ sul quale si confrontano Giovanni Ladiana (superiore dei

(lachianalea.it)

(lachianalea.it)

padri gesuiti di Reggio Calabria e fondatore del movimento Reggio Non Tace), Stefano Musolino (sostituto procuratore della Dda di Reggio Calabria), Alessio Magro (giornalista), Alessandro Russo e Paola Bottero, moderati da Josephine Condemi.

 

Lunedì 11 si tocca un altro tema caldo come il declino della politica mentre mercoledì 13 un giornalista (Paola Bottero) uno scrittore (Mimmo Gangemi), un regista (Fabio Mollo) e un magistrato (Antonio De Bernardo)  si interrogheranno sulla necessità di andare oltre un certo modo di raccontare la Calabria (#Calabriaoltre la narrazione).

 

Chiuderà la rassegna, giovedì 14 (ore 21.30, piazza San Rocco), la #Calabriaoltre i commissariamenti, con Aldo Aldi intervistato da Filippo Teramo .

 

Tutte le serate, tranne quella di inaugurazione, che sarà a inviti, sono a ingresso libero, con posti a sedere fino a esaurimento. I locali che ospiteranno gli eventi offriranno a tutti i presenti un brunch da gustare in contemporanea con i talk.

 

Partire e tornare, andare e restare. Proteggersi dai pirati e tendere, ancora e sempre, verso il mare. La passerella è un ponte tra la rocca e l’altrove. ‘U Scigghiju, lo scoglio, ripara dal pericolo, concede la sosta. E la tentazione dell’arroccamento. Ma a mare sempre in difesa non si può stare. Ecco che l’antenna della passerella  capta, decifra, avvista quello che c’è, ma non è ancora così palese.

Tutte le info sul sito www.scillainpasserella.com