Primo Piano »

Dal fumetto criminale a quello sociale, arriva a Cosenza il Festival del Paesaggio

18 settembre 2017 – 10:26 |

Il prossimo week end, dal 22 al 24 settembre, torna il fumetto a Cosenza al Festival del Fumetto Le Strade del Paesaggio, diventato uno degli spazi più interessanti dedicati al fumetto e al suo universo. Promossa da Cluster con la …

Leggi tutto »
Home » Architettura, Arte, beni culturali, Cultura, Itinerari e Vacanze, Video

Catanzaro inAttesa in 3D in un progetto firmato ABA

Scritto da on 14 settembre 2014 – 09:35nessun commento

Prosegue l’apertura alla città e la sinergia con le istituzioni territoriali dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro, diretta da Anna Russo e presieduta da Rocco Guglielmo, con una nuova esposizione del proprio patrimonio e un ciclo di eventi, in occasione del quarantennale della prestigiosa istituzioni di studi artistici, che avranno come location gli spazi del Complesso Monumentale del S. Giovanni, i palazzi e le vie del Centro Storico a partire dal 19 settembre in un percorso che si concluderà il 31 ottobre.

inattesaL’inaugurazione è fissata il 19 settembre con l’apertura della mostra del patrimonio in dotazione all’ABA, cui seguirà il 26 settembre, ore 20, la performance Le sedie di Ionesco, chiaramente ispirato all’omonimo testo teatrale del grande drammaturgo di origine romene, che ha mutato radicalmente la concezione del teatro del Novecento con opere come  La cantatrice calva, Il rinoceronte, La lezione, Il re è morto, e, appunto Le sedie.

 

La programmazione prosegue il 3 ottobre con Stazioni Creative (Il Ragno), tre video-istallazioni, realizzate appositamente per tre cortili privati del borgo o, in alternativa, per tre chiostri di Palazzi pubblici comunali. Due lavori saranno ideati e creati interamente dagli studenti dell’Accademia, il terzo dall’artista Mariagrazia Pontorno. Ogni tappa del  progetto,   dalla visita dei cortili, alle lezioni frontali alla progettazione e messa in opera dei lavori  sarà filmata per realizzare un documentario in 3D. I tre lavori, e i tre cortili, saranno legati visivamente in un percorso inprogress  volto alla scoperta dei luoghi, dell’identità culturale e della memoria storica di Catanzaro.
Ancora video-proiezioni venerdì 17 ottobre, ore 19.30 con un evento nell’evento. Si tratta di Cz Lumen, ricostruzione in 3Dteatro san carlino cz del Teatro San Carlino, il vecchio Teatro Comunale o Teatro Real Francesco,  imitazione architettonica del Teatro San Carlo di Napoli e quindi ribattezzato col nomignolo di San Carlino che  per oltre un secolo, dal 1830 al 1938,  ha rappresentato il tempio della cultura cittadina. Il video  sarà proiettato  sulla facciata del Palazzo della Posta, che ne ha preso il posto, dopo la sua demolizione nel 1938.

 

Il Teatro San Carlino è stata una delle realtà teatrali più prestigiose nel Sud d’Italia. Sul suo palcoscenico furono rappresentate, nell’arco della sua lunga vita, le opere liriche dei maggiori compositori italiani, da Donizetti a Bellini, da Verdi a Puccini, da Mascagni a Leoncavallo, e stranieri, da Bizet a Gounod, da Meyerbeer a Thomas, e si esibirono le migliori compagnie italiane di prosa e gli attori più famosi,  nei primi anni del Novecento, da Giovanni Emanuel a Ermete Novelli, Ermete Zacconi, Annibale Ninchi, nomi che ai più giovani non diranno nulla ma entrati a pieno titolo nella  storia della cultura del nostro Paese.

 

Per dare un’idea del prestigio di cui il teatro catanzarese godeva al tempo, basti pensare che   nel novembre del 1913 il Comunale ospitò un evento eccezionale, la Serata futurista, con la partecipazione del fondatore del movimento futurista, Filippo Tommaso Marinetti, che tenne una conferenza seguita dalla rappresentazione di una sua commedia, Elettricità.

 

All’Accademia di Belle Arti l’Amministrazione Comunale di Catanzaro ha affidato anche la decorazione di oltre 250 m lineari di un’area nel centro cittadino, che si inserisce in un progetto di ampia riqualificazione dell’area urbana di Piazza Matteotti.