Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Cultura, Musica, Video

Con la cultura si mangia. L’impresa della Musica all’Unical

Scritto da on 30 novembre 2015 – 08:10nessun commento

Palazzo Strozzi, Firenze. Nel 2014 ha sborsato 7 milioni di euro per spese, ma le sue entrate sono state di 7,2 milioni di euro, con un utile da non disprezzare. L’indotto in città? 61 milioni di euro. Un esempio eloquente di come la cultura produce economia. O, diversamente da come si espresse un ministro di qualche governo fà, con la cultura si mangia. Un concetto semplice e chiaro, soprattutto in un Paese che ha il patrimonio storico e artistico più importante al mondo, che esporta da sempre creatività, moda, design.

Un concetto replicabile a Nord come a Sud, Calabria compresa, dove arte e cultura si respirano ovunque da sMauro Ermanno Giovanardiempre.  Su questo tema si confrontano i prossimi 3 e 4 dicembre al Teatro Auditorium Unical operatori del comparto, ad iniziare dal settore della musica, ne L ’Impresa della Musica.

L’evento, che rientra nel programma del 13° Premio nazionale per l’innovazione (PNI), culmina il 4 dicembre con un talk in cui saranno presenti alcuni dei più importanti operatori regionali e nazionali nel panorama musicale italiano.

Nella prima giornata  (3 dicembre), invece, sarà presentato un evento inedito, un vero e proprio esperimento sonoro che muoverà i primi passi proprio sul palco del Teatro Auditorium Unical. Non si tratta di un semplice concerto ma della prima tappa di  un progetto più ampio di condivisione artistico/culturale.Peppe Voltarelli ph. FENUCCI 11

Quindici talentuosi musicisti calabresi accompagneranno  in un viaggio musicale all’insegna della contaminazione e dell’incontro fra mondi musicali diversi quattro voci  fra le più significative della musica italiana di oggi: Mauro Ermanno Giovanardi (vincitore del Premio Tenco 2015 come miglior album dell’anno, nonchè inconfondibile ex voce dei La Crus), Peppe Voltarelli (bluesman, musicista e vincitore della Targa Tenco 2010 come miglior disco in dialetto), Roy Paci (trombettista, produttore musicale e fondatore di Etna Gigante) e Dario Brunori (pluripremiato cantautore calabrese e fondatore di Picicca Dischi).

Un evento unico nel suo genere, in cui verranno presentati i successi dei ‘magnifici’ quattro  ma anche brani in cui si rispecchia un’Italia della musica che non dimentica le tradizioni ma sa farsi interprete privilegiata del suo tempo.

 

Roy PaciL’iniziativa è una produzione del’Università della Brunori_Sas-Trento-2Calabria, il Liason Office d’Ateneo e il Teatro Auditorium, con la collaborazione artistica ed esecutiva di Archimedia e Picicca.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.