Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Cultura, Libri

Dialoghi dalle due sponde del Mediterraneo alla Fondazione Carical

Scritto da on 26 settembre 2012 – 07:47nessun commento

E’ tutto pronto per la premiazione dei vincitori del Premio per la Cultura Mediterranea, tenuto a battesimo dalla Fondazione Carical, con il patrocinio del MIBAC, che si terrà il prossimo 28 settembre 2012 al Teatro Rendano di Cosenza.

Per il sesto anno consecutivo il Premio vuole valorizzare quanti <<contribuiscono con le loro opere a far conoscere le culture che vivono all’interno dei paesi mediterranei>>, come tiene a precisare il prof. Mario Bozzo, Presidente della Fondazione Carical e del Comitato Promotore, sviluppando il dialogo tra espressioni culturali diverse ed il dibattito su temi di ampia attualità con studiosi italiani e stranieri, che si riconoscono nella comune provenienza dal bacino del Mediterraneo.

 

La manifestazione ha offerto un’occasione preziosa agli studenti delle scuole superiori calabresi e lucane di avvicinarsi alla cultura di respiro internazionale, attraverso incontri con gli autori e laboratori di lettura.

I vincitori di questa edizione, designati da una Giuria internazionale, di cui fanno parte anche Domenico De Masi, Younis Tawfik , Giuliana Sgrena, Francois Livi, sono il costituzionalista Michele Ainis (autore da ultimo de L’assedio, 2011), lo scrittore di origine libica Alessandro Spina (autore de I confini dell’ombra), lo storico e critico dell’arte Cesare De Seta (Ritratti di città europee è la sua ultima opera),  Goce Smilevsky, autore del pluripremiato La sorella di Freud, Ester Armanino,  che si aggiudica la sezione Narrativa Giovane con Storia naturale di una famiglia, lo scrittore ed intellettuale egiziano Ali al Aswani con il suo ultimo fortunato reportage su La rivoluzione egiziana ed infine il regista calabrese Gianni Amelio, che con film come Il piccolo Archimede, Il ladro di bambini, Colpire al cuore, Porte aperte, Il primo uomo ha costruito un pezzo significativo del cinema italiano.