Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Cultura

Incontro con il Garante dei diritti dell’infanzia al Sistema Bibliotecario Vibonese

Scritto da on 13 novembre 2011 – 07:23nessun commento

Proseguono al Centro di Servizi culturali di Santa Chiara gli appuntamenti del Convegno di Cultura promosso dall’Associazione Maria Cristina di Savoia, che il prossimo 14 novembre alle ore 16.30, organizza un incontro tra il Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Calabria, l’onorevole Marilina Intrieri, ed  Istituzioni,  Associazioni,  cittadini.

 Figura istituita in gran parte dei paesi europei,  Il Garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza è una realtà anche nel nostro Paese, dove è presente in sei regioni, Veneto, Lazio, Campania, Calabria, Marche, Molise e nella provincia autonoma di Bolzano.

Il Garante è un’autorità indipendente che ha soprattutto il compito di verificare e vigilare sull’effettiva applicazione nazionale e locale dei diritti dell’infanzia,  fissati dalla Convenzione delle Nazioni Unite del 1989, che ha operato una vera e propria rivoluzione copernicana sancendo il passaggio del minore da “oggetto di  tutela” a “soggetto titolare di veri e propri diritti soggettivi”, esercitabili dallo stesso minore.

Nella logica della Convenzione di New York la  capacità del minore di autodeterminarsi lo sottrae alla sfera d’influenza dell’adulto e gli consente di partecipare, in prima persona, a tutte le decisioni che lo riguardano, come titolare di diritti soggettivi (basti pensare che, in sede di procedura di adottabilità, il Tribunale per i minorenni deve sentire “il minore che ha compiuto gli anni dodici e anche il minore di età inferiore, in considerazione della sua capacità di discernimento”).

Il Garante ha il compito primario di ricordare a genitori, insegnanti, alla società tutta che il bambino è un essere attivo e creativo che va sostenuto nel suo processo di crescita e  nelle sue scelte, per evitare  che si ripetano  episodi  tristi e dolorosi che ci inchiodano alle nostre responsabilità.