Primo Piano »

Pietro Grasso inaugura il Tropea Festival L&S. Il programma

9 ottobre 2017 – 13:19 |

“Caro Giovanni, scriverti non è facile, mettere ordine nei tanti pensieri e nelle innumerevoli cose che ho da dirti. C’è quel lieve imbarazzo tipico di quando due vecchi amici, abituati a condividere la quotidianità, fatta di cose grandi e piccole, …

Leggi tutto »
Home » Cultura, Musica

La musica entra nella scuola calabrese per formare nuove orchestre giovanili

Scritto da on 7 aprile 2012 – 13:18nessun commento

Dopo una intensa preparazione, è partito il Progetto Regionale “La Musica entra nella Scuola”. La Regione Calabria – Assessorato Cultura, Istruzione ed Alta Formazione – nella persona dell’Assessore Mario Caligiuri,  apprezzando il lavoro dell’Associazione Culturale “Nicola Spadaro” di Delianuova (RC) e della relativa Orchestra Giovanile di Fiati le  ha affidato  la realizzazione di un progetto regionale finalizzato alla implementazione delle Orchestre giovanili di fiati attraverso un percorso formativo indirizzato agli studenti delle Scuole Calabresi.

La presentazione del Progetto è avvenuta a Strongoli (KR), dove l’Assessore Regionale Caligiuri, alla presenza delle autorità istituzionali delle sedi dove si realizza il Progetto, ne ha illustrato l’importanza e la valenza culturale, sociale, musicale ed educativa che lo animano.

Di concerto tra l’Assessorato Regionale all’Istruzione, l’Ufficio Scolastico Regionale e l’Associazione “Nicola Spadaro” sono stati individuati 5 Istituti Comprensivi, uno per provincia, ricadenti tra le aree individuate “a rischio”, in cui  più intenso deve essere l’intervento della Regione sia per la riduzione della dispersione scolastica che per l’aumento delle ore di lezione e del conseguente miglioramento della qualità dell’offerta formativa.

 Progetto La  musica entra nella scuola

Progetto La musica entra nella scuola

Sono stati così individuati gli studenti degli Istituti Comprensivi di Rogliano (CS), Strongoli (KR), S. Onofrio  (VV), Guardavalle (CZ) e Sinopoli (RC), ai quali viene garantita, con cadenza settimanale, la formazione propedeutica musicale nonché quella relativa all’apprendimento ed all’uso corretto degli strumenti necessari alla formazione di una Junior Band secondo la seguente articolazione: Ance, Ottoni e Percussioni. Durante il percorso formativo gli studenti dei vari Istituti avranno la possibilità di avvalersi anche dell’apporto didattico dell’intera Orchestra di Fiati di Delianuova per analizzare meglio e dal vivo come è articolata l’Orchestra e come si riesce a fare musica insieme.

La formazione è sta affidata ai giovani Maestri dell’Orchestra di Delianuova, che, con l’entusiasmo che li ha caratterizzati nel loro processo di crescita, riusciranno, anche con la consulenza e il sostegno di un Comitato Tecnico e del Direttore della stessa Orchestra, Maestro Gaetano Pisano, a trasmettere la capacità di osare, il gusto e la voglia di crescere, attraverso la musica, nel senso più pieno dell’armonia e della bellezza, per concorrere anche allo sviluppo del proprio territorio.

I giovani Maestri ed i tutor riusciranno certamente in questo intento essendo destinatari e portatori di un significativo massaggio del Maestro Muti, che, a più riprese, li ha ricordati, dicendo: “Il vostro modo di suonare, il vostro modo di essere, non è importante solo per voi; non immaginate quanta influenza avrà nella società della vostra Regione”, ed ancora: “Vi porto ad esempio sempre e dovunque. Continuate per la vostra strada insieme ai vostri insegnanti ed organizzatori. Sentitevi testimoni importanti in questo difficile e spesso ottuso mondo che ci circonda”.

E’ una sfida certamente impegnativa, che, alla fine, porterà i ragazzi dei vari Istituti a conseguire risultati positivi, riuscendo anche a realizzare una performance davanti a tutte le componenti del proprio territorio.

A conclusione del percorso di preparazione indirizzato ai giovani Maestri ed ai Tutor, il Presidente dell’Associazione, Dr. Giuseppe Scerra, li ha sollecitati ad essere testimoni coerenti del loro impegno per concorrere a far sognare una scuola ricca di vitalità culturale e creativa, dove i ragazzi sentono e provano la gioia di starci bene e di venirci volentieri per imperare e diventare “grandi”.