Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » attualità, Cultura

L’Europa, diritti di cittadinanza e tirannia dei mercati secondo Gianni Vattimo

Scritto da on 30 aprile 2014 – 08:26nessun commento

Mercoledì 30 aprile 2014 ore 10 il Caffè delle Arti di Catanzaro ospita Gianni Vattimo, uno dei più importanti filosofi contemporanei, in un dibattito aperto dedicato ad un tema ‘caldo’: Quale Europa? Unione dei popoli e dei diritti o Unione della finanza e dei mercati?. MES e fiscal compact. Rischi e opportunità per gli Stati membri,  organizzato dall’ associazione culturale Work in Progress di Girifalco e dal Caffè delle arti di Catanzaro, in collaborazione con la CGil Catanzaro e Lamezia, nell’ambito della rassegna Ad occhi aperti.

 

VattimoAllievo di Pareyson e, successivamente, di Gadamer e LÖwith,  studioso di Nietzsche, di Heidegger e Marx, Vattimo ha introdotto negli anni ’80  il concetto di “pensiero debole, che propugna l’esigenza di relativizzare qualsiasi principio filosofico che pretenda di assumere valore assoluto e definitivo.

 

Nei suoi lavori ha cercato di riflettere criticamente sul rapporto tra filosofia e mondo contemporaneo, dalla politica ai mass-media, dall’informazione ai diritti civili e sociali, esplorando anche il dialogo tra ermeneutica e nichilismo nel dare vita a leggi e consuetudini fondate sul rispetto delle libertà di ciascuno e non su supposte norme naturali,  spingendosi fino a toccare i confini della dimensione religiosa e il suo poter essere una base di riflessione per i nostri tempi (Cos’è la religione oggi; Dopo la cristianità; Il futuro della religione).

 

Negli ultimi lavori ha affrontato il difficile snodo tra democrazie (sempre più tecnocratiche) e verità di fronte al predominio dei mercati, dei media, ad esistenze sempre più smarrite e prive di punti di riferimento saldi (La società trasparente, Garzanti, 2011) mentre il richiamo alla realtà, dopo il crollo delle ideologie, è divenuto il pretesto per imporre una visione delle cose convenzionale e addomesticata, non sempre facilmente smontabile se non con le armi della costante pratica interpretativa  (Della realtà. Fini della Filosofia, Garzanti, 2012)

 

Vattimo è da tempo impegnato anche in politica, prima nei radicali poi nei Ds e nell’Italia dei Valori, e da qualche anno è eurodeputato a Strasburgo.

 

L’incontro catanzarese, cui partecipano Gianni Vattimo, Bruno Talarico (segretario provinciale CGIL Catanzaro), Franco Laratta (già deputato PD), Anna Falcone (Presidente Associazione Sinistra e futuro ed esperta in diritto dell’UE), Alfredo Cosco(scrittore e studioso), Tommaso Passarelli (associazione culturale Work in Progress), è condotto dalla giornalista Antonella Grippo e sarà trasmesso nel programma di Telespazio TV, Perfidia.

 

 

http://giannivattimo.blogspot.it/p/chi-sono.html