Primo Piano »

Arrivederci a presto!

3 aprile 2018 – 09:39 |

Cari amici e amiche, il nostro sito sospende le pubblicazioni.
 
Share

Leggi tutto »
Home » Arte, Cultura, media

Sotto il cielo infuocato d’autunno l’arte contemporanea approda al CRAC di Lamezia Terme

Scritto da on 5 ottobre 2015 – 12:22nessun commento

Hanno iniziato a farsi conoscere nel luglio scorso con FRAC, Festival di Ricerca per le Arti Contemporanee, che, alla sua prima edizione, ha ottenuto un successo insperato. CRAC, Centro di Ricerca per le Arti Contemporanee ci riprova con A Burning Autumn Under A Southern Sky, che da ottobre a dicembre 2015, ospita all’interno dei suoi locali (Via Piersanti Mattarella, 11) di Lamezia Terme (CZ), esponenti di fama nazionale e internazionale provenienti dai più diversi ambiti artistici, dalla visual art alla performing art, dal teatro di ricerca passando per la danza e i live show musicali. Un mix di esperienze che fanno parlare e dialogare su più livelli il mondo dell’arte contemporanea, cercando di contaminare il territorio.

Allo street-artist G Loois, lametino ma ormai bolognese d’adozione, tra i protagonisti del mondo del graffitismo nazionale, e Pfadfindereiall’attrice Giulia Perelli è toccato il compito, nei giorni scorsi, di inaugurare il nuovo corso di CRAC. Che prosegue fino a dicembre con artisti di diversa estrazione e provenienza geografica, ma di assoluto rilievo, che si alterneranno all’interno del Centro, completamente riqualificato e impreziosito all’esterno da un’opera di G Loois, del Teatro Grandinetti, storico palcoscenico di Lamezia Terme oltre che in alcune location inedite.

A Lamezia arriveranno, tanto per fare qualche nome, AuroraMeccanica, studio di produzione audiovisivi, di base a Torino che si muove tra sperimentazione tecnologica, ricerca estetica ed impegno sociale, con il contributo attivo del pubblico; Ginevra Panzetti e Enrico Ticconi, giovane ma rodatissima coppia di artisti che lavorano sul corpo e lo spazio scenico; Quiet Ensemble, al secolo Fabio Di Salvo e Bernardo Vercelli, lo sguardo rivolto alle complesse trame dei rapporti tra tecnologia e natura; Daniele Spanò, regista e artista visivo noto anche all’estero; K-sine, una estetica fatta di suoni ed immagini aggressive, tra sound e visual design, sintetizzatori audio e video.

Per chi è curioso di conoscere nuovi universi musicali, appuntamento con Pfadfinderei, studio di Art Direction e Design di stanza a Berlino, specializzato nella visual art legata alla musica (Apparat, Modeselektor, Moderat ) e Snow In Mexico, coppia snow in mexico 13_389228709399968563_ndream-pop proveniente dalla scena romana che ha da poco firmato con la prestigiosa etichetta americana Saint Marie Records, produttrice del loro ep, Juno Beach, che sarà presentato al CRAC.

Le parole d’ordine sono multidisciplinarietà, sperimentazione, orecchie e occhi aperti verso stimoli e idee più disparate.

Abbiamo visto alcuni di loro ad Aieta, al FRAC, e vi assicuriamo che meritano una visita al Centro.

CRAC, 450 mq di sale, gallerie temporanee, una foresteria dove ospitare gli artisti, store e un Auditorium, vuole essere uno spazio di ricerca, creazione e sperimentazione delle arti contemporanee, dalla performing art al teatro, dalla musica a video ed installazioni.

Un laboratorio che intende sostenere la nuova generazione di artisti italiani, creando un ponte diretto con le altre realtà all’estero, contribuendo a fare di Lamezia Terme e della Calabria altrettanti poli culturali in grado di competere a livello internazionale.

Una bella sfida in una cittadina del profondo Sud conosciuta più per la catena di sangue e omicidi ad opera delle cosche locali che per i numerosi progetti, portati avanti  da tempo da enti e associzioni, che hanno scommesso tutto sui circuiti virtuosi innescati dall’arte e dalla cultura, sopratutto sull’universo degli under 30.

Sappiamo quanto sia importante, in questo momento storico/sociale/culturale la ricrescita, la rinascita, del nostro paese. A nostro parer, la nostra salvezza sta nei giovani, ed è proprio quella fascia di età che va dai 10 fino ai 30 anni alla quale dobbiamo rivolgerci ed aver cura di riformare/informare/stimolare. Questo attraverso la cultura, l’arte e l’acquisizione di una tecnica.

A sintetizzare il cuore del progetto ci pensa la sua ideatrice e direttrice artistica, Nicoletta Grasso, e a giudicare dalla determinazione dimostrata, e dal felice esordio, siamo sicuri che i risultati non si faranno attendere…

www.crac.eu

info@crac.eu

nicoletta.grasso@gmail.com

CRAC_Lamezia Terme (1)CRAC_7235451437818839126_nCRAC 2_512522324192702190_n