Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Cultura, Libri

Trame: Ma Saviano come mai non era a Lamezia Terme?

Scritto da on 28 giugno 2011 – 22:14One Comment

“La strage di calabresi in Germania ha riacceso i riflettori sulla ‘ndrangheta. Gli investigatori italiani, accorsi sul posto, hanno impiegato le prime due settimane di indagini per spiegare ai colleghi tedeschi come si scrive “’ndrangheta”. Non avevano mai sentito una parola così ridicola, “spiegano ridendo a crepapelle il capitano Kraut e il tenente Wrüstel, incaricati di affiancare i colleghi italiani” questo scrive Michele Serra in “Breviario Comico” (Feltrinelli 2008). In effetti a sentire anche quanto ha detto la giornalista tedesca Petra Reski domenica durante il festival TRAME il festival dei libri sulle mafie che si è tenuto dal 22 al 26 giugno a Lamezia Terme mi sa che Michele Serra aveva ragione ( evito di citare per la seconda volta Yamamoto Tsunetomo quindi se a qualcuno interessa vada a leggere quanto ho scritto su Gian  Carlo Caselli).

L’idea che in Germania si sono fatti della ‘ndrangheta e similari è molto lontana dalla realtà anche perché fa comodo. In Germania è possibile acquistare una mappa della città di Palermo dove sono indicate le attività commerciali che non pagano il pizzo, i nostri cari  “capitano Kraut e il tenente Wrüstel” in vacanza in Italia saranno orgogliosi quindi di fare turismo etico ma a parlar loro dei ristoranti che in Germania sono vicini a determinati ambienti non ci si cava un ragno dal buco. Pensate che in quello stato, che per noi è sinonimo di perfezione e precisione, non esi­ste nem­meno una legge sull’associazione a delinquere di stampo mafioso e le intercettazioni sono sottoposte a forti limitazioni.

Ecco quindi che  il sito www.dradio.de scrive un bell’articolo su quanto si è svolto a Lamezia Terme nei giorni scorsi e poi, giusto per dare un po’ di colore, scrive  «Anti-Mafia-Starautor Roberto Saviano kam nicht nach Lamezia Terme. Auch wenn es keine konkreten Drohungen seitens der Bosse gab: Man konnte, heißt es, seine Sicherheit nicht hundertprozentig garantieren» e cioè «La star antimafia Roberto Saviano non e’ andato a Lamezia Terme, nonostante non ci siano state minacce concrete da parte dei boss. Non era possibile, si dice, garantire la sua sicurezza al 100%»

( per leggere l’articolo completo http://www.dradio.de/dlf/sendungen/kulturheute/1491642/)

Quindi il comune di Lamezia Terme, secondo il giornalista non avrebbe garantito, la sicurezza di Saviano. Sarebbe interessante capire chi lo ha detto o da cosa il giornalista lo ha dedotto. Ma a Von Thomas Migge non è passata nemmeno per  un attimo l’idea che forse gli organizzatori non hanno voluto invitare Roberto Saviano?

Meraviglioso.

Quindi per fare contento Von Thomas Migge al termine dei lavori in un momento di pausa ho mangiato una pizza margherita (purtroppo mancavano i mandolini per il sottofondo musicale), poi gli organizzatori ci hanno fatto una sorpresa. Saviano direte voi? No granita di mandorle e brioche per quelli che sono rimasti fino alla fine a sentire tante cose ma non, fortunatamente, luoghi comuni

Angelo Maggio