Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Cultura

Uno spettacolo contro la violenza e la negazione dei diritti umani

Scritto da on 28 marzo 2012 – 01:24nessun commento

Giovedì 29 marzo alle ore 21, alla Casa delle culture (Palazzo della Provincia) di Catanzaro, l’Università degli studi Magna Graecia di Catanzaro e la (FUCI) Federazione universitaria cattolica italiana di Catanzaro insieme con le associazioni Ulixes e Diritto di difesa, presentano Ombre, una performance tra musica e poesia per provare a ripercorrere atmosfere, memorie e storia dei regimi totalitari e della tragica privazione dei diritti inviolabili dell’uomo.

Ombre per evocare quella zona oscura dell’uomo in cui albergano odio, brutalità, crudeltà  ma anche per invitare tutti coloro che prenderanno parte all’iniziativa a tener stretto a sé (come un’ ombra, per l’appunto) il ricordo di quanti sono caduti, vittime della violenza altrui, per non dimenticare le sofferenze del passato e quelle del nostro presente e per imparare a prevenire quelle future.

Partecipano alla serata, che sarà condotta da Teresa Corea, assegnista di ricerca dell’Università degli studi Magna Graecia di Catanzaro, e da Sebastian Ciancio, presidente diocesano della Fuci, monsignor Bertolone, arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace, Wanda Ferro, Presidente della Provincia di Catanzaro, il Prefetto Antonio Reppucci e il prof. Luigi Ventura, dell’Università Magna Graecia.

Sul palco Francesco Silipo, Serena Mustari, Emanuel Salerno, Roberta Zirilli e Vincenzo Macrì, il soprano Giorgia Teodoro, il tenore Davide Minoliti e gli attori Antonio Belsito e Luana Posella.