Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Cultura

Uno spettacolo contro la violenza e la negazione dei diritti umani

Scritto da on 28 marzo 2012 – 01:24nessun commento

Giovedì 29 marzo alle ore 21, alla Casa delle culture (Palazzo della Provincia) di Catanzaro, l’Università degli studi Magna Graecia di Catanzaro e la (FUCI) Federazione universitaria cattolica italiana di Catanzaro insieme con le associazioni Ulixes e Diritto di difesa, presentano Ombre, una performance tra musica e poesia per provare a ripercorrere atmosfere, memorie e storia dei regimi totalitari e della tragica privazione dei diritti inviolabili dell’uomo.

Ombre per evocare quella zona oscura dell’uomo in cui albergano odio, brutalità, crudeltà  ma anche per invitare tutti coloro che prenderanno parte all’iniziativa a tener stretto a sé (come un’ ombra, per l’appunto) il ricordo di quanti sono caduti, vittime della violenza altrui, per non dimenticare le sofferenze del passato e quelle del nostro presente e per imparare a prevenire quelle future.

Partecipano alla serata, che sarà condotta da Teresa Corea, assegnista di ricerca dell’Università degli studi Magna Graecia di Catanzaro, e da Sebastian Ciancio, presidente diocesano della Fuci, monsignor Bertolone, arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace, Wanda Ferro, Presidente della Provincia di Catanzaro, il Prefetto Antonio Reppucci e il prof. Luigi Ventura, dell’Università Magna Graecia.

Sul palco Francesco Silipo, Serena Mustari, Emanuel Salerno, Roberta Zirilli e Vincenzo Macrì, il soprano Giorgia Teodoro, il tenore Davide Minoliti e gli attori Antonio Belsito e Luana Posella.