Primo Piano »

Dal fumetto criminale a quello sociale, arriva a Cosenza il Festival del Paesaggio

18 settembre 2017 – 10:26 |

Il prossimo week end, dal 22 al 24 settembre, torna il fumetto a Cosenza al Festival del Fumetto Le Strade del Paesaggio, diventato uno degli spazi più interessanti dedicati al fumetto e al suo universo. Promossa da Cluster con la …

Leggi tutto »
Home » Educazione

Scuola digitale: Calabria chiama Copenaghen risponde

Scritto da on 24 maggio 2016 – 08:10nessun commento

All’inizio furono le LIM ma le classi 2.0 vere e proprie sono partite pochi anni fa con siti e portali, registro elettronico, gestione dei contenuti didattici multimediali, laboratori, biblioteche, aule tecnologiche. Ma ci sono anche ambienti virtuali, possibilità di usare app e tablet in classe oltre alla robotica, contenuti creati da insegnanti e studenti e condivisi sulla Rete, scuole aperte al territorio e al mercato del lavoro. Nuovi scenari, in molti casi estremamente innovativi, si aprono per il mondo della scuola per stimolare la creazione di competenze trasversali, la capacità di muoversi nell’ambiente digitale e di risolvere problemi in modo innovativo.

Esperienze coltivate nel nostro Paese da diversi anni da Presidi e docenti visionari, in parte tradotti nella riforma della Buona Scuola, che prevede anche un Piano Nazionale e la orestad scuolacreazione di animatori digitali tra i docenti che si occupano di diffondere le nuove tecnologie nei rispettivi istituti. Magari con l’aiuto di colossi come Google, com’è accaduto in questi giorni a una scuola spezzina. Un vento che spira da Nord a Sud, Calabria compresa, dove martedì 24 maggio 2016, al Teatro Politeama di Catanzaro, l’Ufficio Scolastico Regionale presenta nel quadro del Piano Nazionale per la Scuola Digitale, l’evento Always on the road.

Nel corso della mattinata a inaugurare la manifestazione sarà l’esperienza dell’ Orestad Gymnasium di COPENAGHEN. Allan Kier Andersen, Karen Nielsen, Jeppe Wernberg presentano a Catanzaro una delle 13 scuole più innovative al mondo. Giardini pensili, bioarchitettura, energie rinnovabili, mega opere firmate dalle archistar internazionali. Non siamo in un paese fatato ma a Ørestad, quartiere a sud-est di Copenaghen, laboratorio vivente di città a misura d’uomo, di innovazione e di impegno sociale e pedagogico, espresso dal suo Ginnasio, orestad scuola 1pareti e infissi colorati, uno spettacolare scalone elicoidale in legno che connette i tre piani dell’edificio, spazi-relax dove i ragazzi possono incontrarsi o sdraiarsi durante le pause. E’ il modello del nuovo umanesimo scandinavo: colorato, ironico, minimale. E aperto. Come gli spazi di Ørestad, aperti e inclusivi, in cui la dimensione civica prevale su quella scolastica, lo studio è interdisciplinare, si mira a premiare il pensiero laterale e creativo e lo sguardo a 360 gradi piuttosto che le nozioni.

Una best practice studiata in tutto il mondo che sarà possibile vedere all’opera nel corso del orestad scuola 2seminario catanzarese. Che presenta anche il Concorso AICA/USR Calabria Booktrailer in School, giunto alla quinta edizione, il quale premia gli studenti delle scuole secondarie calabresi che applicano la tecnica dello storytelling su temi come la diversità.

Chiude i lavori della giornata la competizione regionale promossa da Junior Achievement Italia Impresa in azione, laboratorio di educazione imprenditoriale per studenti di 16-19 anni, che coniuga innovazione metodologica e tecnologia al servizio dell’imprenditoria digitale e mette a confronto diverse scuole.

(Le foto ritraggono l’Orestad Gymnasium di Copenaghen)