Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Enogastronomia

Francesco Mazzei rilancia a Londra il food&wine calabrese con un nuovo ristorante

Scritto da on 20 febbraio 2017 – 08:48nessun commento

Gli odori della ‘nduja, della cipolla di Tropea, dei salumi e formaggi e dell’olio delle colline calabresi non si fermano a Piccadilly, cuore della City londinese. Perchè Francesco Mazzei, superchef internazionale nato a Cerchiara e di stanza da vent’anni a Londra,  si appresta ad aprire un nuovo locale, questa volta a Islington, dove vive, una trattoria che sarà come la cucina della mamma, pochi piatti, di qualità, a prezzi abbordabili.

Non è un caso che il nuovo ristorante si chiami Radici, per richiamare una identità e una memoria chef patron Francesco Mazzeiforti, che hanno ingenerato non nostalgia e malinconia ma un progetto preciso, aperto al futuro, alla possibilità di far conoscere all’estero -in particolare in una Londra invasa dalle culture gastronomiche di mezzo mondo-, a una clientela non necessariamente avveduta e colta,  una cucina regionale poco nota  ma dalle innumerevoli connotazioni.

Certo, i londinesi hanno imparato a conoscere negli anni il food&wine made in Calabria grazie a La Sartoria, ristorante sicuramente inedito, voluto da Mazzei in un’area popolata da sartorie di ogni genere, con  proposte in gran parte declinate alla tradizione calabra. Mazzei, che nel frattempo è diventato anche un personaggio televisivo, non si è perso d’animo e dopo aver cominciato a raccogliere i frutti del suo lavoro, ora rilancia con un progetto che punta su ambienti informali, prodotti casarecci, pane e pizza fatti al momento.

Mentre fervono ancora i lavori, il vulcanico chef di Cerchiara ne ha pensata un’altra: un’iniziativa chiamata Cucina Etica, che lo vedrà  protagonista insieme ad altri giovani cuochi calabresi con delle degustazioni sulla Sila.