Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Enogastronomia

Slow Food propone il primo Master sull’olio d’oliva a Catanzaro

Scritto da on 23 ottobre 2010 – 00:00nessun commento

 

Slow Food “Catanzaro Università” organizza a partire dal 4 novembre a Catanzaro il primo “Master of Food” sull’olio d’oliva

 

I “Master of Food” sono un’iniziativa di Slow Food Italia che dal 2001 svolge un’intensa attività didattica e di divulgazione rivolta ad esplorare il legame tra il cibo e il piacere, il riconoscimento dei sapori, i riti della tavola, ma anche a suscitare interesse verso le storie, i volti e le mani delle persone che stanno dietro un piatto o un prodotto.

In quest’ottica, le “materie” dei Master sono state recentemente ampliate ed a quelle classiche (vino, olio, salumi, formaggi, the, miele, educazione sensoriale generale) sono stati affiancati nuovi temi come  spesa quotidiana, spesa ortofrutta, orticoltura, nell’intento di orientare i partecipanti a scegliere consapevolmente il cibo che acquistiamo e consumiamo tutti i giorni.

Il “Master of Food” sull’olio d’oliva sarà articolato in tre lezioni serali, che si terranno presso l’Agriturismo Basilea a Catanzaro, e in una visita conclusiva presso un frantoio,  tenute da docenti accreditati da Slow Food Italia. Il master si inserisce in una serie di attività finalizzate all’educazione del gusto  ed a guidare i partecipanti verso l’acquisizione di una conoscenza approfondita di un prodotto fortemente radicato nella storia della Calabria ma non sempre adeguatamente valorizzato.

I temi del corso saranno la coltura-cultura dell’ulivo e dell’olio e le fasi di produzione e di lavorazione; il riconoscimento dei sapori e dei profumi dell’olio attraverso la sua degustazione; gli accorgimenti fondamentali per il suo corretto impiego nella preparazione dei cibi.

Il 12 novembre, poi, Catanzaro ospiterà la prima presentazione in Italia (dopo l’anteprima presso il Salone del Gusto di Torino) della nuova edizione 2011 della Guida delle Osterie d’Italia. La manifestazione si inserisce nelle attività previste in occasione della festa dell’uva organizzata dalla Proloco e conterà sulla presenza delle curatrici della guida, del governatore regionale di Slow Food e di tutti i responsabili delle condotte calabresi.

La presentazione verrà seguita da uno straordinario evento gastronomico, una cena preparata da 4 tra i migliori chef calabresi segnalati nella Guida (Pietro Lecce della Tavernetta di Camigliatello, Gianluca Ganci dell’Enoteca due bicchieri di Amantea, Delfino Maruca del Vecchio Castagno di Serrastretta e Salvatore Murano di Max di Cirò).

La risonanza nazionale dell’evento in programma a Catanzaro assicura finalmente un palcoscenico adeguato alla gastronomia calabrese ed alle sue forme più genuine, innovative e prelibate. Slow Food Catanzaro intende valorizzare la tradizione e la forza dei prodotti locali, senza scadere nel folklore deleterio e nell’immobilismo, per trasformare la città di Catanzaro in un laboratorio mediterraneo del gusto.

Per informazioni: www.slowfoodcz.it