Primo Piano »

Arrivederci a presto!

3 aprile 2018 – 09:39 |

Cari amici e amiche, il nostro sito sospende le pubblicazioni.
 
Share

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

25 aprile a teatro con la compagnia Berardi – Casolari

Scritto da on 22 aprile 2014 – 20:00nessun commento

In fondo agli occhi - Ferrin 8Il 25  aprile 2014, ore 21, appuntamento al Teatro Politeama di Lamezia Terme, all’interno del cartellone di Ricrii 11, Residenza teatrale Ligeia, con due esponenti di primo piano del teatro contemporaneo, Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari, che presentano In fondo agli occhi, con la regia di César Brie, organizzato con il sostegno di Teatro Stabile di Calabria

La crisi e le ferite inferte al corpo sociale sono i temi conduttori dello spettacolo. L’indagine parte e si sviluppa da due differenti punti di vista: l’uno reale, in cui la cecità, malattia fisica, diventa filtro speciale attraverso cui analizzare il contemporaneo, e l’altro metaforico, dove la cecità diventa la condizione di un intero Paese, rabbioso e smarrito, che brancola nel buio alla ricerca di una via d’uscita.

Chi è più cieco di chi vive, senza avere un sogno, una prospettiva davanti a sé? Di chi, da consapevole, non può far altro che cedere alla disperazione? Un paese cos’è in fondo se non le persone che al suo interno vivono e si muovono? Un paese non sono le case, non sono le chiese, né i bar o le istituzioni ma chi vi abita e conferisce valore. Un paese malato  abitato da gente malata, come noi. Ma come raccontare tutto questo poeticamente, ironicamente, senza essere retorici o superficiali?

Lo spettacolo è stato accolto favorevolmente da pubblico e critica.

“..In fondo agli occhi c’è la malattia di chi non vede, ma c’è anche di contro lo sguardo intimo, quello che va verso l’interno e si guarda dentro, da cui filtrare sé stessi e la propria verità…” (Simone Nebbia – Teatro e Critica).

“…Gianfranco Berardi è lo spirito libero di un teatro non addomesticato: nel suo (e nel nostro) buio accende lampi spavaldi di intelligenza, risate e struggenti dolcezze..” (Sara Chiappori – La Repubblica) .

“…Su quel palcoscenico scudisciate noi, la nostra malattia sociale. La nostra retorica. La rinuncia a sogni e prospettive. La nostra superficialità quando cediamo al vittimismo e ci rassegniamo alla crisi, incapaci di metterci in gioco..” (Vincenzo Sardelli – Paneacquaculture.net).

La piéce è preceduto giovedì 24, ore 19, da un aperitivo al Rua Sao Joao, preziosa occasione in cui il pubblico potrà incontrare gli attori.