Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Teatro: a Soverato Ashes of Hell, partendo da Brecht

Scritto da on 2 aprile 2014 – 09:32nessun commento

macerie4Venerdì 4 aprile 2014 ore 21 al Teatro Comunale di Soverato (Cz) la Residenza teatrale Re-Act ospita la compagnia ILINX, che propone  Ashes of Hell. Un fottuto requiem per Mahagonny, diretto da Nicolas Ceruti.

 

 

Mahagonny, un diamante incastonato nella terra
Mahagonny, il genio della lampada nascosto sotto la sabbia
Mahagonny, lo specchio delle tue brame
A Mahagonny puoi essere tutto ciò che vuoi
A Mahagonny puoi fare tutto ciò che vuoi
A Mahagonny puoi comprare qualunque desiderio

Mahagonny è bruciata. Un misterioso incendio l’ha distrutta. I pochi sopravvissuti sono dispersi in mezzo al deserto che circondava la città. Sono tutto ciò che resta di una società che aveva fatto di domanda e offerta l’unica legge riconosciuta e della transazione economica la sola relazione possibile. In bilico fra la speranza di essere salvati e la paura di non avere scampo, i 6 superstiti si troveranno a fare i conti con la collettiva incapacità di fare gruppo, di essere comunità civile. Vanità, grettezza, egocentrismo, disillusione, meschinità, prenderanno pian piano il sopravvento, eliminando ogni residua umanità da queste creature e rivelando la natura famelica.

Nato come ideale sequel dell’opera musicale di Berthold Brecht e Kurt Weil, Ascesa e declino della città di Mahagonny, lo spettacolo attualizza la critica brechtiana alla società dei consumi e mette in scena quel che resta di una civiltà ormai collassata; un “accrocchio” d’individualità grottesche in preda al terrore di scomparire che deve confrontarsi con le proprie ombre più private e mostruose.