Primo Piano »

Dal fumetto criminale a quello sociale, arriva a Cosenza il Festival del Paesaggio

18 settembre 2017 – 10:26 |

Il prossimo week end, dal 22 al 24 settembre, torna il fumetto a Cosenza al Festival del Fumetto Le Strade del Paesaggio, diventato uno degli spazi più interessanti dedicati al fumetto e al suo universo. Promossa da Cluster con la …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Al cinema Trashed, Rifiuti Zero

Scritto da on 2 maggio 2014 – 10:46nessun commento

Domenico 4 maggio 2014, ore 18, Falso Movimento presenta a Rovito Trashed, un film di Candida Brady con Jeremy Irons, uno dei migliori documentari mai realizzati sulle condizioni del nostro Pianeta.

 

image003(2)La prima immagine è quella di Jeremy Irons, l’attore Premio Oscar, seduto sulla spiaggia vicino a Sidone in Libano: dietro di lui montagne (nel senso letterale) di rifiuti. E il problema non è solo estetico: Trashed, il film documentario diretto dalla giovane filmmaker Candida Brady (Madam and the Dying Swan), ci porta attraverso tutti i continenti del Pianeta Terra per mostrarci l’inesorabile decadenza dell’ecosistema. Il colpevole, inutile dirlo, è la razza umana, noi stessi, che ogni giorno produciamo un quantitativo impressionante di rifiuti che non riusciamo a smaltire e tra le vittime di questa pestilenza proprio noi stessi ne stiamo pagando lo scotto. Quello che beviamo, respiriamo e mangiamo è colmo delle sostanze che gettiamo via dissennatamente: ne rimaniamo intossicati e le trasmettiamo ai nostri figli.

Accompagnato da immagini spettacolari, toccanti e dalla colonna sonora di VangelisTrashed non può essere considerato un semplice documentario, ma un vero e proprio viaggio alla scoperta della Terra nascosta, lontana dalle immagini che vediamo ogni giorno in tv. Oceani, ghiacciai, foreste: nessun angolo del Pianeta è immune alla più grave piaga inflittagli dall’uomo, l’inquinamento.

Il Los Angeles Times e il New York Times lo hanno già definito come uno dei migliori documentari mai realizzati e sicuramente la presenza di una star del calibro di Jeremy Irons impreziosisce la produzione (aumentandone anche la portata mediatica).

L’attore ha dichiarato: “C’è bisogno che questo argomento fastidioso sia compreso e condiviso dal maggior numero possibile di comunità in tutto il mondo per promuovere le soluzioni più creative e produttive. E’ qui che i film possono giocare un ruolo importante: educare la società, portando argomenti ‘difficili’ a un pubblico il più ampio possibile. Abbiamo il dovere di rivolgerci alle nuove generazioni distinguendo ‘qualità’ della vita da ‘quantità’ di vita. Speriamo che il film sappia dimostrare come cambiando il modo in cui viviamo le nostre vite saremo in grado di contribuire al nostro benessere e alla sopravvivenza del pianeta. La gente dovrebbe scoprire se c’è un impianto per la distruzione dei rifiuti vicino a loro e se c’è dovrebbe opporsi. Se non c’è dovrebbe indagare su come le autorità locali risolvono il problema dei rifiuti. Vorrei che le persone si interessassero di più alle leggi sugli imballaggi, specialmente alle plastiche contenenti tossine non dichiarate, specialmente in quelle utilizzate per confezionare il cibo e l’acqua. Mi piacerebbe si potessero eliminare gli imballaggi nei punti d’acquisto, in modo tale da poter spostare il problema direttamente al produttore. Vorrei che la gente fosse meno ingenua e scoprisse come ridurre i rifiuti sia a casa che sul luogo di lavoro.”