Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Al Piccolo Teatro Unical tra laboratori e nuovi talenti del teatro

Scritto da on 5 maggio 2014 – 15:56nessun commento

Settimana intensa  per la Residenza teatrale Un piccolo teatro d’arte per l’area urbana, diretta da Lindo Nudo, che da lunedì 5 maggio,  ore 17.30, inaugura un nuovo laboratorio  condotto dall’attore Manolo Muoio, La politica del corpo, riservato a performer, attori, danzatori e a chiunque voglia rinnovare lo sguardo sulla realtà primaria che ci pone in contatto con il mondo: il nostro corpo. A partire dalle tecniche di percezione di peso, gravità, spazio/tempo, corpo/voce, si esplora il movimento nel contatto con la materia drammaturgica, l’ambiente circostante e gli altri corpi che lo abitano nello stesso istante.

Il laboratorio è parte del programma delle “Attività dimostrative e partecipative rivolte al personale artistico e tecnico del settore”.

foto - ad occhi chiusi 2Giovedì 8 maggio, ore 21, sarà  Ad occhi chiusi, regia di Mario Lino Stancati, a concludere la rassegna  dedicata ai giovani talenti calabresi della regia,  che dal 1° febbraio ha portato sul palcoscenico del Piccolo Teatro Unical sei spettacoli di generi diversi accumunati da ricerca e sperimentazione di nuovi linguaggi. Nuovi talenti alla regia” ospita questa settimana una produzione Hotel de la Béance, la compagnia fondata nel 2007 da Mario Lino Stancati, attore, poeta, pittore e musicista, qui nella doppia veste di drammaturgo e regista; sul palco Giada Armatore, Achiropita Domanico, Lucia Grillo e Michele Lionetti, disegno luci di Antonio Molinaro e body painting a cura di Paint-Up Me.

“Ad occhi chiusi – si legge nelle note di regia – è la fuga drammatica, è togliersi l’ultimo velo, è il volo lirico di tre anime lacerate, cadute, precipitate in uno spazio spoglio, misterioso, avvolto dal silenzio e dal buio”.

La residenza “Un piccolo teatro d’arte per l’area urbana”, giunta alla terza annualità, si avvale del partenariato con il comune di Rende e delle collaborazioni con DAMS, CAMS (Centro Arti Musiche e Spettacolo) e Centro Residenziale dell’Università della Calabria.