Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Al Piccolo Teatro Unical tra laboratori e nuovi talenti del teatro

Scritto da on 5 maggio 2014 – 15:56nessun commento

Settimana intensa  per la Residenza teatrale Un piccolo teatro d’arte per l’area urbana, diretta da Lindo Nudo, che da lunedì 5 maggio,  ore 17.30, inaugura un nuovo laboratorio  condotto dall’attore Manolo Muoio, La politica del corpo, riservato a performer, attori, danzatori e a chiunque voglia rinnovare lo sguardo sulla realtà primaria che ci pone in contatto con il mondo: il nostro corpo. A partire dalle tecniche di percezione di peso, gravità, spazio/tempo, corpo/voce, si esplora il movimento nel contatto con la materia drammaturgica, l’ambiente circostante e gli altri corpi che lo abitano nello stesso istante.

Il laboratorio è parte del programma delle “Attività dimostrative e partecipative rivolte al personale artistico e tecnico del settore”.

foto - ad occhi chiusi 2Giovedì 8 maggio, ore 21, sarà  Ad occhi chiusi, regia di Mario Lino Stancati, a concludere la rassegna  dedicata ai giovani talenti calabresi della regia,  che dal 1° febbraio ha portato sul palcoscenico del Piccolo Teatro Unical sei spettacoli di generi diversi accumunati da ricerca e sperimentazione di nuovi linguaggi. Nuovi talenti alla regia” ospita questa settimana una produzione Hotel de la Béance, la compagnia fondata nel 2007 da Mario Lino Stancati, attore, poeta, pittore e musicista, qui nella doppia veste di drammaturgo e regista; sul palco Giada Armatore, Achiropita Domanico, Lucia Grillo e Michele Lionetti, disegno luci di Antonio Molinaro e body painting a cura di Paint-Up Me.

“Ad occhi chiusi – si legge nelle note di regia – è la fuga drammatica, è togliersi l’ultimo velo, è il volo lirico di tre anime lacerate, cadute, precipitate in uno spazio spoglio, misterioso, avvolto dal silenzio e dal buio”.

La residenza “Un piccolo teatro d’arte per l’area urbana”, giunta alla terza annualità, si avvale del partenariato con il comune di Rende e delle collaborazioni con DAMS, CAMS (Centro Arti Musiche e Spettacolo) e Centro Residenziale dell’Università della Calabria.