Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Aperilive con i Petramante al Caffè delle Arti di Catanzaro

Scritto da on 10 gennaio 2014 – 12:46nessun commento

petramenteUn week end che si prolunga fino a lunedì, al Centro Polivalente per i Giovani/Caffè delle Arti. Il grande foro dell’arte del Comune di Catanzaro, riparte a pieno regime con un nuovo anno all’insegna dello spettacolo, dell’allegria e della grande musica. Si comincia sabato 11 gennaio con il secondo appuntamento della rassegna di Teatro comico “Ridiamo…ci il Teatro” a cura di Edizione Straordinaria, dal Titolo “Tarl Five”, presso il nuovissimo teatro “Il Minore” realizzato proprio all’interno dei locali di Via Fontana Vecchia, questa settimana in programma alle ore 21.00 e in replica domenica alle 18.00.

Lo spettacolo si prolunga fino a lunedì 13 gennaio con un live speciale: un aperitivo musicale alle ore 18.30 con i

Petramante, band umbra che esordisce nel 2009 con l’album “E’ per mangiarti meglio”.

Definiti spesso come canzone d’autore, rivelano anche una vena più feroce in un perfetto bilanciamento tra leggerezza e complessità, che ha ottenuto ottime recensioni per il primo disco e un tour che tocca Italia, Germania, Austria e Sudamerica, su palchi condivisi tra gli altri con Subsonica, Bugo, Dente, Diaframma, Eugenio Bennato, Andrea Rivera, MauMau, Giorgio Canali, oltre ad un singolo “Io e l’altro”, uscito per Fonopoli con la supervisione artistica di Renato Zero. Dal 2012 lavorano  sotto la guida di Paolo Benvegnù: un momento importante che fa nascere undici nuove tracce grondanti sangue, lacrime e risate di cuore.

Stavolta il loro personalissimo cantautorato si arricchisce di inaspettati echi shoegaze, e pesca tra gli episodi meno elettronici di Bjork e il Battiato de “La voce del padrone”. Anche se collocare questo lavoro in una sola categoria è difficile, oltre che riduttivo: è indie, melodico, musica d’autore, mainstream. E’ tutto questo. Questa cura nella costruzione è una delle cose a cui tiene di più Paolo Benvegnù, che prima crede nel progetto, li guida, e poi ci mette del suo, entrando in prima persona, scrivendo e suonando in questo lavoro. Oltre a Benvegnù e al suo prezioso fonico Michele Pazzaglia, questo disco annovera altre illustrissime collaborazioni, quali Lorenzo Corti alla chitarra, Guglielmo Ridolfo Gagliano al violoncello e Laurence Cocchiara e Silvia Portarena al violino.

Un esperimento nuovo come tra le tante novità in serbo nel grande calderone istrionico della Premiata Ditta Polivalente, per soddisfare i palati più esigenti, mantenendo quello spirito di semplicità, energia e volontà di aprire nuovi orizzonti, con il linguaggio dell’arte e del legittimo divertimento. (Ufficio Stampa)