Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Chiesa e ‘ndrangheta in un libro di Nicola Gratteri a Lamezia Terme

Scritto da on 4 febbraio 2014 – 17:48nessun commento

Sabato 8 febbraio 2014, ore 18.30, al Savant Hotel di Lamezia Terme (Cz) il Centro Riforme Democrazia Diritti e la Libreria Tavella presentano l’ultimo libro di Antonio Nicaso e Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della DDA di Reggio Calabria, Acqua santissima, La Chiesa e la ‘ndrangheta. Storia di potere, silenzi e assoluzioni.

acquasantissimaNe discutono con Nicola Gratteri don Giacomo Panizza (Progetto Sud) ed il giornalista Gianfranco Manfredi.

A partire dall’Ottocento gli uomini della ‘ndrangheta hanno beneficiato del silenzio e dell’indifferenza della Chiesa. Solo dagli anni Cinquanta del ventesimo secolo sono comparse le prime denunce, le prime lettere pastorali, e la ‘ndrangheta è diventata “un cancro esiziale”.

Da allora la Calabria ha conosciuto straordinarie figure di ecclesiastici, come Giovanni Ferro, Italo Calabrò e Giuseppe Agostino, che, da presidente del consiglio episcopale calabrese, propose di negare i sacramenti agli ‘ndranghetisti, restando però inascoltato.

Nicola Gratteri e Antonio Nicaso ricostruiscono questo lungo e imbarazzante abbraccio tra boss e uomini di Chiesa, raccontano le storie dei tanti sacerdoti e vescovi che hanno accettato le logiche della ‘ndrangheta, e dei pochi che, invece, hanno avuto il coraggio di far sentire la loro voce e denunciare un’organizzazione criminale che ha spesso modellato i riti di affiliazione sulle cerimonie liturgiche della tradizione cattolica, e si è servita delle feste religiose e dei simboli cristiani per creare alleanze, costruire vincoli e rafforzare così il proprio potere. E lanciano un chiaro messaggio: o si consolida la coraggiosa esperienza pastorale finora maturata, o il potere devastante della ‘ndrangheta continuerà ad affermarsi nelle città, nei paesi, nelle campagne, soprattutto tra i giovani.