Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Clash City Workers: il lavoro nell’epoca della crisi a Villa S. Giovanni

Scritto da on 15 settembre 2014 – 16:05nessun commento

10608250_471183753023884_1685881501749289747_oAn’ I wanna move the town to the clash city rockers / You need a little jump of electrical shockers/ You better leave town if you only wanna knock us/ Nothing stands the pressure of the clash city rockers/ Rock rock Clash city rockers cantavano i Clash negli anni ’70 nel mezzo di una crisi economica che  smantella in pochi anni industrie e posti di lavoro in tutta Europa e un intero sistema sociale, aprendo la strada alla crisi del 2008.

Clash City Workers è anche il nome di  un collettivo  di lavoratrici e lavoratori, disoccupate e disoccupati, e di “giovani precari” che dal 2009 fanno in tutta Italia attività di informazione, organizzano incontri e dibattiti, pubblicano documenti anche sulle esperienze di lavoratori in lotta in altri paesi  per il posto di lavoro.

Venerdì 26 settembre saranno a C.S.C NUVOLA ROSSA, via 2 novembre, 82, Villa San Giovanni (Rc) per presentare il loro libro e raccontare chi è oggi la nuova classe lavoratrice (una volta si sarebbe detto ‘i proletari’), quali trasformazioni hanno investito l’apparato produttivo e il mondo del lavoro e gli orizzonti futuri, tra lavoratori autonomi, finte partite Iva, precari storici, Neet, immigrati, subordinati, produttivi e improduttivi, “finte” partite iva, Neet, immigrati, “manifestazioni differenti dello stesso fenomeno, etichette e catalogazioni – molte delle quali imprecise e da sfatare – che spesso servono a frammentare ciò che in realtà è unito da interessi comuni e simili ritmi di vita”.