Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Corso di canto della tradizione calabrese

Scritto da on 7 luglio 2014 – 15:26nessun commento
Laboratorio di canto  Cantare all’aria  a cura di Anna Maria Civico, dal 18 al 23 agosto a Cataforio (RC) nel programma dei corsi di U Stegg.

annamaria civico -canto 234652151923097417_nLa voce come strumento di orientamento. Fisicità ed esperienza psicocorporea del canto. Canto e vocalità calabrese.

Nella pratica della musica popolare gioca un ruolo prezioso la trasmissione orale. Questo approccio alla vocalità è un ponte tra i modi del canto popolare contadino e le pratiche performative contemporanee, in cui il trainer (la guida) trasmette la tecnica con il suo corpo-voce. In questo quadro il canto è un’azione che mette in gioco la presenza nella sua globalità. Ciò che emerge di prezioso, nell’ascoltare i cantori e le cantore di tradizione orale, è che il loro canto è un’azione in cui viene messa in gioco la presenza nella sua globalità e che consente di sviluppare il canto e il contesto nel qui ed ora, rendendo la performance un raro momento di incontro e di festa delle emozioni, degli affetti, dell’immaginazione e della creatività.

Cantare all’aria presenta una ricerca di organicità nello studio della voce e delle possibilità vocali. Dell’esercizio verso una sensibilità musicale atonale. Si propone come luogo nel quale ognuno possa esplorare le possibilità del proprio strumento, il corpo-voce, acquisirne consapevolezza e tecniche per amplificarlo e per entrare in modo appassionatamente rigoroso nella pratica del canto e della vocalità calabrese di tradizione orale.

Nel laboratorio si lavorerà con:
• Training dinamici.
• Esplorazioni vocali, timbriche, ritmiche e di risonanza dello spazio.
• Improvvisazioni ritmiche e armonizzazioni, dissonanze, unisono. Canti monodici e polivocali.
• Canti proposti: area aspromontana e lametino. Verranno trasmessi a maggioranza canti che non prevedono l’uso di strumenti musicali.

Partecipanti: indicato per chi ha un atteggiamento di ricerca e di curiosità. Per educatrici/ori, insegnanti, operatrici/ori sociali, artisti di ogni area. Principianti …. ma anche chi si sente arrivato/a e vuole andare oltre!
Portare vestiti comodi, si potrà cantare anche scalze/i.

www.ustegg.it