Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Daniele Spanò e Vera di Lecce al CRAC di Lamezia Terme

Scritto da on 13 novembre 2015 – 11:14nessun commento

Ancora un appuntamento al CRAC di Lamezia Terme per incendiare il nostro cielo autunnale. Questa volta ad inondare di immagini e di musica gli spazi del Centro di Ricerca per le Arti Contemporanee saranno sabato 14 novembre, a partire dalle ore 18, saranno il visual-artist Daniele Spanò, che presenta una selezione di lavori, alcuni inediti, ideati  appositamente per l’allestimento, e Vera di Lecce  per la prima volta in Calabria con il suo nuovo album, concentrato di psichedelia e world-pop.

Daniele Spanò - L'Ora del silenzioDANIELE SPANO’ , romano, regista e artista visivo di rilievo internazionale, scelto nel 2011 dal celebre regista e artista Takeshi Kitano, per rappresentare il fermento artistico della città di Roma,
consulente artistico per la Fondazione Romaeuropa, vanta  collaborazioni con la scena artistica italiana d’avanguardia, dalla Socìetas Raffaello Sanzio a Andrea Baracco, Luca Brinchi e Roberta Zanardo (Santasangre), Veronica Cruciani, La casa d’arglilla.

VERA DI LECCE, ex cantante dei Nidi dì Arac e performer con alle spalle importanti collaborazioni con Afterhours, Kaki King, Roberto Angelini, Anna Calvi, Balmorhea, Lisa Germano,  e Shannon Wright. Nel gennaio del 2014 ha debuttato a Berlino dove ha registrato il suo nuovo album, grazie ad una campagna di crowdfunding su Indiegogo, prodotto al fianco di Martyn Heyne (Efterklang, The Group). Si esibisce armata di voce, chitarra e loop per proporre al pubblico calabrese il suo nuovo lavoro 29 seconds, che ha visto la luce nel maggio di quest’anno.