Primo Piano »

Dal fumetto criminale a quello sociale, arriva a Cosenza il Festival del Paesaggio

18 settembre 2017 – 10:26 |

Il prossimo week end, dal 22 al 24 settembre, torna il fumetto a Cosenza al Festival del Fumetto Le Strade del Paesaggio, diventato uno degli spazi più interessanti dedicati al fumetto e al suo universo. Promossa da Cluster con la …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Ettore Majorana, il mistero del ragazzo di Via Panisperna in un libro

Scritto da on 9 dicembre 2016 – 18:51nessun commento

Proseguono le iniziative di “Natale in Biblioteca” rassegna in corso di svolgimento a Palazzo Nicotera, sede della Biblioteca Comunale e del Sistema Bibliotecario Lametino, che accompagnerà le feste natalizie fino al 10 gennaio del nuovo anno.

Nel pomeriggio di sabato 10 dicembre, alle ore 17.00, presso gli spazi del Sistema Bibliotecario Lametino (entrata su via G. Carducci) sarà ospite il giornalista de “Il Sole 24 Ore” Giuseppe Borello, autore, insieme ai colleghi Lorenzo Giroffi e Andrea Sceresini, del libro-reportage “La seconda vita di Majorana”.

cheersfriendL’opera, edita da Chiarelettere, come facilmente deducibile dal titolo, espone l’inchiesta svolta dai tre giovani giornalisti sulla scomparsa, vecchia di quasi ottant’anni, dell’insigne fisico italiano Ettore Majorana, dissolto nel nulla nella notte tra il 26 e il 27 marzo 1938. Attraverso documenti e foto inedite, testimonianze e un viaggio in Sud America, i tre hanno costruito la seconda vita del grande scienziato, uno dei “ragazzi di via Panisperna” come l’altro celebre fisico Enrico Fermi. Suicidio? Scelta di ritirarsi in un convento? O semplicemente il giovane uomo nato a Catania nel 1906 era soltanto alla ricerca di un’oasi lontana dove costruirsi una nuova vita distante da quelle teorie e ricerche che da lì a qualche anno avrebbero portato alla costruzione della bomba atomica?

In occasione proprio dei centodieci anni dalla nascita di Majorana, Borello, Giroffi e Sceresini hanno deciso di impegnare le loro forze per indagare su uno dei più grandi misteri della storia d’Italia. A coordinare l’incontro sarà Antonio Pagliuso, collaboratore del Sistema Bibliotecario Lametino.