Primo Piano »

Arrivederci a presto!

3 aprile 2018 – 09:39 |

Cari amici e amiche, il nostro sito sospende le pubblicazioni.
 
Share

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Gli appuntamenti del Festival dell’Economia di Vibo: euro o non euro?

Scritto da on 22 giugno 2015 – 13:19nessun commento

Il sistema Euro è sostenibile e democratico? E’ uno dei grandi interrogativi di forte e stringente attualità che stanno caratterizzando sempre di più il dibattito politico ed economico. Di questo si discuterà in un appuntamento off del Festival ViboDattorre-A4defdell’Economia  a Vibo Valentia venerdì 26 luglio (ore 17.30) nell’auditorium del Polo culturale Santa Chiara nel corso di un incontro pubblico organizzato dalla Rete MMT-Modern Money Theory in collaborazione con la sezione provinciale di Confindustria, con il consiglio provinciale dei Consulenti del Lavoro e con il Sistema Bibliotecario Vibonese.

Ad introdurre e a coordinare il confronto sarà il professore di Economia all’Università della Calabria, Damiano Silipo. Interverranno il deputato del Partito Democratico, Alfredo D’Attorre, ed il Referente economico di Rete MMT-Modern Money Thoery, Alessandro De Salvo. Si parlerà, dunque, della sostenibilità e della democraticità del sistema Euro con un parlamentare e membro della direzione nazionale del principale partito di maggioranza che sostiene il Governo Renzi e con il rappresentante del movimento MMT da sempre fortemente critico con le scelte economiche operate a Bruxelles e dintorni.

Al centro della discussione, quindi, le politiche di austerità dell’Unione Europea che hanno generato recessione, alzato notevolmente il tasso di disoccupazione e ridotto sensibilmente lo stato sociale. Così dopo aver perso la sovranità monetaria, nell’Eurozona i Governi nazionali sono adesso pericolosamente sottomessi ai mercati finanziari.

L’iniziativa rientra nell’ambito del Festival per l’Economia che, in attesa del secondo ciclo, prosegue con una serie di incontri itineranti e di livello con l’obiettivo di tenere alta l’attenzione sui temi economici più rilevanti e, allo stesso tempo, costituire una sorta di tavolo permanente che dia un seguito alle idee sviluppate nel corso della prima edizione della kermesse.

(Comunicato Stampa)