Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Haiou Zhang al Politeama di Catanzaro

Scritto da on 26 maggio 2016 – 12:21nessun commento

L’Orchestra Filarmonica della Calabria ritorna al Teatro Politeama di Catanzaro il 29 maggio  dopo il successo riscosso con il concerto lirico di Capodanno. Questa volta, nel programma proposto dalla Filarmonica, due capisaldi della letteratura russa del XX secolo: il Concerto per pianoforte n.3 di S. Rachmaninov e la Sinfonia n.5 di D. Shostakovich.

A dirigere la Filarmonica un volto ormai molto noto al panorama musicale italiano, il calabrese IMG-20160506-WA0024Filippo Arlia  mentre al pianoforte ci sarà il cinese Haiou Zhang, giovane virtuoso con una biografia spettacolare.  Concerti in tutto il mondo, decine di sold out, da Berlino a Toronto, New York, Parigi, da solo e insieme a prestigiosissime orchestre come l’Orchestra Filarmonica di Belgrado, Ucraina National Symphony Orchestra, Beijing Symphony Orchestra, Orchestra Filarmonica Ceca, Varsavia Symphony Orchestra, Toronto Philharmonic Orchestra, Sinfonica di Bochum e la Mannheim Mozart Orchestra.  Zhang ha vinto numerosi premi  e competizioni internazionali ed è fondatore / direttore artistico del Festival Internazionale di Musica Buxtehude & Altes Land in Germania, a sostegno di giovani musicisti di talento.

A dirigere la Filarmonica Filippo Arlia, che é già stato sul podio di orchestre dal prestigio storico come l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, l’Orchestra Filarmonica Toscanini, Haifa Symphony Orchestra. Ha diretto in alcune tra le sale più importanti del mondo come il Perelman Stage di New York, la Rachmaninov Hall di Mosca, l’Auditorium dell’Universitá di Auckland, il Teatro Municipale di Piacenza. Nel 2016 dirigerà ancora in Francia, Spagna, Egitto, Repubblica Ceca, Ungheria, Croazia.

Il concerto n.3 di Rachmaninov é forse il brano più significativo del repertorio di Rachmaninov, e una autentica sfida per chi lo esegue, cui richiede un virtuosismo funambolico. Il concerto si concluderà  con la Sinfonia n. 5 di D. Shostakovich, tra le opere più conosciute ed applaudite del compositore russo, è  uno dei capolavori musicali del ‘900.