Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Il delitto Matteotti in un libro di Italo Arcuri

Scritto da on 5 novembre 2014 – 18:50nessun commento

Venerdì 7 novembre, alle ore 19, a Marcellina di Santa Maria del Cedro (Cs), presso l’Accademia Musicale Mediterranea, in via Laos 63, sarà presentato il libro “Il corpo di Matteotti” di Italo Arcuri, edito da Suraci Editore. Alla presentazione, oltre all’autore, parteciperanno il Sindaco di Santa Maria del Cedro, Ugo Vetere, e l’Assessore alla Cultura del Comune, Emanuela Dito

Il corpo di matteotti - Italo ArcuriA distanza di 90 anni dal delitto di Giacomo Matteotti, rapito e ucciso il 10 giugno 1924, Italo Arcuri, giornalista di origine calabrese e vicesindaco del Comune di Riano, paese a nord di Roma dove il corpo del deputato socialista fu ritrovato in una boscaglia dopo sessantasei giorni, in questo libro studia il tragitto dell’automobile assassina, dal Lungotevere Arnaldo da Brescia alla Quartarella di Riano, e analizza la cultura di un corpo in cui, ancora oggi, carisma simbolico e carica ideale vanno di pari passo.

Il libro aggiunge ulteriore storicità documentale ai materiali già esistenti sul delitto ed è il frutto di una ricerca storica effettuata dall’autore in oltre un anno di tempo, basata su due documenti inediti rintracciati presso l’ufficio anagrafe del Comune di Riano.

Il libro, inoltre, contiene testimonianze esclusive, basate su una vasta bibliografia e sulla lettura e visione di quotidiani e filmati d’epoca.

Il capitolo riguardante il tragitto dell’autovettura su cui fu prima caricato e poi ucciso Matteotti è il primo tentativo – giornalistico prima ancora che storico – di delineare i confini, anche geografici, di un fatto che, ancora oggi, racconta di un’Italia non tanto dissimile da quella odierna.

(Comunicato Stampa)