Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

Il mese della cultura Pamphilia nel nome di Mattia Preti

Scritto da on 5 novembre 2014 – 18:45nessun commento
Il mese della Cultura Pamphilia  riunisce tra il 3 e il 30 novembre una serie di iniziative organizzate dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Valmontone per valorizzare Palazzo Doria Pamphilj ed i suoi tesori, con la riscoperta delle radici della famiglia Pamphilj e delle preziose testimonianze artistiche, nel nome del grande artista calabrese del ‘600 Mattia Preti.
mattia preti a valmontoneAd aprire le rassegna, lunedì 3 novembre, è stata la Giornata di studi  Sotto la volta dell’Aria. Mattia Preti: approfondimenti e nuove ricerche, promossa dall’Amministrazione comunale con la Soprintendenza per i beni storici artistici ed etnoantropologici del Lazio, e con il patrocinio della Repubblica di Malta e dell’Istituto di Studi Barocchi dell’Università di Malta, diretto dal professor Denis De Lucca, alla quale hanno partecipato studiosi, ricercatori, restauratori.
Un’iniziativa che rende omaggio ad un artista che, proprio a Valmontone, ha lasciato nella Stanza dell’Aria una delle sue più intense interpretazioni del linguaggio figurativo barocco: un suggestivo ciclo di affreschi realizzati nella primavera del 1661, quando il Maestro si preparava a partire alla volta di Malta, dopo aver ottenuto il titolo di Cavaliere dell’Ordine.
Per l’occasione sarà esposta la prima opera realizzata dall’artista per i Pamphilj,  lo Stendardo dipinto per la Confraternita del Santissimo Sacramento e del Rosario di San Martino al Cimino, feudo pamphiliano e roccaforte della famosa e temuta Olimpia Maidalchini, madre di Camillo Pamphilj, che commissionò l’opera per il Giubileo del 1650. Lo Stendardo resterà a Valmontone, per gentile concessione dell’Abbazia Cistercense e della Confraternita di San Martino al Cimino, dal 3 al 30 novembre.
Info su http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_asset.html_1802326285.html