Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

L’ Orchestra di Delianuova al Parco Archeologico di Locri Epizefiri

Scritto da on 8 settembre 2012 – 17:56nessun commento

Domenica, 9 settembre, infatti, alle ore 19,00, all’interno del Parco Archeologico, si esibirà l’Orchestra Giovanile di Fiati di Delianuova (RC), non nuova ad eventi capaci di coniugare cultura, storia, tradizioni e musica.

L’iniziativa, organizzata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali Parco Archeologico Locri Epizefiri, di concerto con l’Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria ed il Comune di Portigliola, intende accostare la Musica ai siti che  sono sedi di cultura millenaria. Il Parco Archeologico è, infatti, la testimonianza di una storia millenaria che oggi rende ricca la Calabria, al di là di ogni altro valore intangibile, come il paesaggio, la natura incontaminata, il mare. Sotto questo aspetto la Calabria può essere considerata, a ragione, una delle regioni più preziose d’Italia. Secoli dopo secoli, il nostro territorio è stato, per così dire, “contaminato”, da popoli e culture diverse, in un confronto strettissimo tra colonizzatori (greci in primis) e popolazioni locali. Respirare l’aria di questo sito ascoltando la Musica permette di sintonizzarsi con i mondi vitali che hanno caratterizzato la nostra storia.

Il Programma della serata è delle grandi occasioni. Inizia con Pangea di Andrea Morello e prosegue con Concierto di Aranjuez di Joaquin Rodrigo; Nabucco Ouverture di Giuseppe Verdi; Cinema Paradiso di Ennio Morricone; Condacum di Jan Van der Roost; Gladiator di H. Zimmer, L. Gerrard; Enotria di Angelo De Paola; Moment For Morricone,ù; Nessun Dorma dalla Turandot di Giacomo Puccini. Si conclude con l’Inno Nazionale di G. Mameli, M. Novaro.