Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Eventi Segnalati

La Residenza teatrale della Piana apre la stagione con i Mattanza

Scritto da on 15 aprile 2014 – 13:11nessun commento

La Residenza etica teatrale della Piana inaugura al Teatro comunale di Polistena (Rc) la rassegna “Teatro canzone 2014” con il primo di tre appuntamenti che vedrà sul palcoscenico dell’Auditorium comunale di Polistena, mercoledì 16 aprile alle 21,30, Cantu da Passioni dello storico gruppo reggino “Mattanza”, a ingresso gratuito.

residenzadellapianaIl progetto del gruppo musicale fondato da Mimmo Martino prende spunto da uno dei testi più interessanti della tradizione popolare calabrese, “U rivoggiu da Passioni”, che racconta le ultime ore terrene di Gesù. Poesie, testi, canzoni che si intrecciano, attraverso le tastiere e la fisarmonica e i cori di Enzo Petea e Gino Mattiani, il basso e il contrabbasso di Roberto Aricò, la chitarra battente e quella classica di Fabio Moragas, le chitarre, la lira calabrese e i fiati popolari di Mario Lo Cascio, i tamburi a cornice e le percussioni di Giacomo Farina, le voci di Mimmo Martino e di Rosamaria Scopelliti. Un omaggio all’arte e alle tradizioni popolari di una terra di bellezza e cultura aspra, dura, selvaggia, fiera e dolce al tempo stesso, come il carattere dei suoi stessi abitanti.

Nello spettacolo musicale teatrale dei Mattanza, il dolore terreno di Cristo si evidenzia mostrando la sua attualità nel dolore di tutte le vittime innocenti: donne e uomini uccisi dalla mafia, dalla povertà e, dunque, dall’indifferenza e dalla superficialità.

Dopo questo primo appuntamento, la Compagnia Dracma porterà in scena, in prima nazionale, il prossimo 25 aprile, alle 21,30, una propria produzione, La creatura prediletta. Calabria d’amore e d’abbandono. Lo spettacolo di teatro canzone, per la regia del direttore artistico Andrea Naso, si ispira al famoso testo di Leonida Repaci Quando fu il giorno della Calabria, e passa attraverso i versi più alti dei poeti Costabile, Calogero e Argiroffi.

Un viaggio poetico narrativo, musicato dal vivo con brani originali del maestro Nino Forestieri.Una raccolta di poesie, testi e canzoni capaci di valorizzare e rinvigorire il patrimonio storico e culturale di un popolo la cui storia secolare ha ispirato grandi artisti. Un suggestivo affresco di una terra di grandi contraddizioni, teatro del dramma perpetuo della cosiddetta “razza maledettà”, luogo mitico la cui ricchezza continua ad essere oscurata.

La rassegna teatro canzone si chiuderà, poi, il 18 maggio, alle 21,30, con Madrigale del Teatro del Carro, scritto e diretto da Luca Maria Michienzi.

Ispirata al testo Madrigale siciliano, di Emilio Argiroffi, la pièce si concentra sulle varie sfaccettature dell’amore raccontate attraverso la poesia recitata e cantata che incontra i suoni della tradizione musicale popolare riorganizzati in ritmi ricercati.

 

Per informazioni sul progetto www.delbelloperduto.it